Archivio tag | sole

Girasoli

Un giorno di fine estate
ho colto un mazzo di girasoli,
non più fulgenti di giallo,
ma stropicciati d’ autunno:
ambrati, arancioni, bruni.
Ho colto un mazzo di girasoli,
stanchi e felici d’amore,
dopo mesi col viso baciato
per ore ed ore dal sole;
ostinatamente volti a cercarlo,
perdutamente innamorati.
Li ho colti coi segni della passione
consumata,
narranti un’esausta gioia.
Abbandonano ora, grati, il capo,
rugosi,
aspettando la prossima estate.
Là li ritroveremo belli, alti e fieri.
Eternamente fedeli al loro Sole.
Ho colto un mazzo di girasoli
che narrano la loro storia d’ amore
che non potrà aver fine.
Li ho colti per te.

Lucia Lorenzon, 22 settembre 2018

Annunci

 “Sei…” su YouTube, mia video-poesia

Sei
In ogni passo
In ogni respiro
In ogni lacrima
Sei l’alito caldo del vento
E l’impero del sole
La fresca carezza
Della luna
Il rosso lieve e prezioso
Dei papaveri
Che tremano.
Sei ovunque sia la bellezza,
Anche nel viso
_E nello stesso azzurro_
Degli occhi
Di una figlia non tua.
Sei l’Amore.

La tua voce

Cerco ovunque
Il suono magico
Della voce tua
Nel coro delle cicale
Felici del torrido sole
Nel gentile
Canto notturno dei grilli
Che preferiscono
_Timidi_
Il buio.
Nel cinguettio
_All’alba_
Degli uccellini
che salutano la luce.
Nei tuoni improvvisi
Dei temporali estivi
Nello scroscio furente
Della loro acqua.
Cerco la tua voce
E non la trovo.
Forse sei
 _alfine_
Nel silenzio,
Nel baluginio gentile
Di una solitaria lucciola.

Tracce

image

Percorro
col mio dito sottile
Le linee d’espessione
Del tuo volto.
Tracce d’amore
Baci
Di vento
Di freddo
Di sole.
Tracce del tempo
Di una vita felice
Prima di me
_Senza di me_
Ma cerco
Il sorgere di un tratto
Che parlerà di noi.

Sole

image

E mi volgo a te
Mio amato
E ti vedo risplendere,
Non più sbiadito
Da un cielo sporco.
Finalmente
Forte della tua bellezza
Con la tua energia
Ci avvolgi
Per insegnare al mondo
Come possederti,
Ma io più di tutti
Del tu amore vivo
Perché nessuno
Sa amarti
Perché nessuno
brama il tuo bacio
Perché nessuno
Cerca il tuo sguardo
Più di un girasole.

La notte più bella della mia vita

image

"Maternità" foto di Leo Taverna, modificata da Lucia Lorenzon

Stella Cara

Sono entrata in ospedale una domenica di primo pomeriggio e il giorno dopo, con un cesareo programmato, saresti nata tu.
Era il 6 giugno 2010 e quella notte fra il 6 e il 7 giugno 2010, in ospedale, era una notte calda, proprio calda, piena di zanzare, sono stata collocata in una stanza di ”fortuna”, normalmente adibita a day hospital, perché nel reparto di ostetricia non c’era neanche un posto, una stanza senza neppure un bagno interno; altre tre donne nella mia camera, avrebbero partorito, naturalmente, nel corso della notte.
C’erano loro, i loro piccoli appena nati, i loro mariti e c’eravamo Io e Te, Sole.
Il mattino mi aspettava il cesareo, con anestesia generale, non avrei potuto vederti subito, e la cosa mi faceva soffrire, anche perché non ci sarebbe stato lo sguardo emozionato di un papà a vederti ed accoglierti in questo mondo, in vece mia.
Sole, Io e Te.
Eppure…è stata la notte più bella della mia vita,una magia irripetibile. Stella, tu, dentro di me, non stavi ferma un attimo e io, con la mano appoggiata sul pancione, a parlarti, a dirti ”fra poco ci vediamo,Tata, fra poco ci vediamo…”
Eravamo ancora una cosa sola, ed eravamo un Mondo…
La notte della mia vita l’ho condivisa solo con Te, ma, Amore mio, che notte!!!
Spero di trovare le parole, un giorno, per raccontartela…O magari basteranno  queste.

La tua mamma

Questa canzone, fin da subito, fin da quando ancora non sapevo se avrei proseguito la gravidanza, e, poi, lungo tutti i nove mesi di essa, è stata la nostra colonna sonora. Infinite volte sentita:

“Eppure sentire” Elisa

Scritto con WordPress per Android