Archivio tag | luna

Danzando sotto la luna

Era uscita di nuovo in giardino, con gli soli slip addosso, la luna era quasi piena, la giornata era stata ancora tanto calda da far sì che la notte potesse stare fuori così. Pochi minuti, le braccia in alto, un giro su sé  stessa, un respiro profondo. Uno sguardo alla luna. 

Si sentiva un poco strega, seppur sorridendo del suo stesso pensiero.

Non era facile stare senza di lui. Non stava bene.

Quell’ estate era stata odiata da molti per il caldo; eppure dentro di lei, nonostante le zanzare, la malinconia, la debolezza datale dal ciclo fortissimo, dentro di lei era contenta di aver avuto quell’estate di sole feroce, ma sapeva anche sarebbe stata in qualunque freddo, se lo avesse avuto accanto.

Lo accarezzava, gesti dolci su un corpo lontano.

Non smetteva mai di essere con lui. Mai.

Le streghe sanno essere ovunque.  

Lucia Lorenzon  10 agosto 2017

Annunci

 “Sei…” su YouTube, mia video-poesia

Sei
In ogni passo
In ogni respiro
In ogni lacrima
Sei l’alito caldo del vento
E l’impero del sole
La fresca carezza
Della luna
Il rosso lieve e prezioso
Dei papaveri
Che tremano.
Sei ovunque sia la bellezza,
Anche nel viso
_E nello stesso azzurro_
Degli occhi
Di una figlia non tua.
Sei l’Amore.

Ti cercherò 

Ti cercherò
Nelle notti di luna piena
Quando una dolce
Perlacea luce
Rischiara i contorni
Delle cose
E addolcisce le paure
Ma _soprattutto_
Ti cercherò quando
Nelle notti
Senza luna
Al mio procedere
_cieco_
Altro non resta
Se non allungare una mano
E sperare
Di trovare la tua.

Sogno

image

Eccoci alfine. In piedi nudi una di fronte all’altro. Una vita a raccontarsi l’amore, a percorrere con la mente ogni centimetro del nostro corpo, a sussurrarci impudici desideri, a urlarci il piacere. Tenerezza e passione. Noi, capaci di oltrepassare il limite dei sensi che ci erano consentiti, di sentire il nostro odore, di ingoiare il nostro sapore. Leccarci corpo e anima.
Noi. Un amore oltre ogni possibilità di spiegazione, fuori tempo, fuori luogo, ma così profondo da radicarsi tenacemente, da rendersi indistruttibile.
Noi. Eccoci. A guardare i nostri corpi, invecchiati lontano, e a vederci bellissimi. Guardarsi senza quasi respirare. Allungare la mano, sfiorarsi, annusarsi, riconoscersi. Io, tua.Tu, mio.
Ci resta il tempo di dircelo ancora. Finalmente. Amandoci nella penombra di questo letto con la finestra aperta sul cielo notturno, in quel blu, ove mille volte abbiamo volato. Questa notte ci perderemo in noi, e ci ritroveremo per sempre, solo i nostri corpi, con la luna addosso.

Ti regalo

image

Stasera ti regalo questa luna piena, immensa e bianca, laggiù ad est, laddove il mattino sorge il sole.
Sembra accarezzare la terra, suadente, malinconica e dolce, come solo una creatura della notte può
essere.
Ti regalo questa visione che si riflette nei miei occhi.
Ti regalo questa notte luminosa che ci vedrà lontani ma legati da uno stesso pensiero.
Ti regalo il profumo dell’aria che sa ormai d’inverno e lo scintillio delle stelle che custodiscono il segreto dei nostri sogni.
Ti regalo il brivido che percorre la mia schiena.

Forse è  il freddo…

Forse sei Tu…

Lucia

In alto, il cielo…

image

In alto, il cielo...

Meglio guardare in alto,
sempre,
soprattutto quando é buio dentro.
Meglio guardare il cielo.
È sorprendente il cielo.
Regala sempre una luce
che sia una stella,
la luna, Il sole,
un fulmine, la scia di un aereo…
Se lo si guarda,
anche nelle notti dell’anima,
rammenta, costantemente,
l’esistenza di una luce,
di una speranza,
di una possibilità.

_Lucia Lorenzon

Scritto con WordPress per Android