Archivio | novembre 2018

Non chiedetemi cos’è l’amore

Non chiedetemi cos’è l’amore.
L’amore è senza spiegazioni, e ne ha mille.
L’amore è tondo e quadrato, é alto e basso é generoso e geloso. L’amore è un battito di ciglia, un ciuffo di capelli spostato con dolcezza, l’amore è un pensiero, è una piuma, una fiaba, ma è duro, combatte, si sporca.
È il più dolce dei sorrisi, la più sfrenata risata, le lacrime più disperate. Felicità e poesia, malinconia e paura, nero e bianco, rosso vermiglio. L’amore è logorroico e silenzioso, invadente e rispettoso. È ali e catena. Volo e caduta, mano che rialza. Quotidianità e avventura, culla e montagna russa.
È improvvisa ritrosia, è sfrontatezza
L’amore è figlio, l’amore è padre.
L’amore è sì, l’amore è no.
È pelle di seta e ruga di vita.
È la luce è la notte.
È bacio sulle palpebre, profumo e sudore, possesso e libertà.
“Ti amo” in un sussurro, orgasmo gridato.
L’amore nasce e non muore. L’amore vive.
L’amore è giovane, é antico. É sempre.
L’amore è prosa e poesia.
L’amore si allontana e torna. L’amore resta.
L’amore scalda, l’ amore gela.
L’amore spera, prova, l’amore rinuncia ma non perde.
L’amore ha mille nomi e uno soltanto.
L’amore sei tu.
Lucia Lorenzon, 24novembre2018
immagine di Valeria Favrin: http://ingarbugliata-mente.tumblr.com/

Ho

Ribloggo da “Caffè Letterario” , la mia pubblicazione mensile. Buona lettura, mi scuso, con l’occasione, per le risposte ancora da dare a vari commenti sui miei articoli. Lo farò quanto prima.

Caffè Letterario

Ho solo un sacco di poesie,
di visioni e follie,
ho abbracci,
baci e dolcezze.
Ho sorrisi
e goffaggini buffe.
Ho viaggi mai fatti,
che affollano pensieri
di nuvole e sogni.
Ho occhi di muschio,
brulicanti di vita,
capelli che parlan
di fiabe del nord
e di suoni di arpe celtiche.
Ho scarabocchi,
colori e tante parole.
Ho sentieri ribelli,
dove mi inerpico e cado.
Ho ferite di spine
e ginocchia sbucciate
ma un anima certa di non volergesi indietro.
Ho bambole rotte,
un oceano di pianto
e felicità immense
a risarcire tutto.
Ho ferite mai chiuse
e speranze mai spente
Ho mani,
che stringono mani
che non lascerò,
occhi in cui perdermi
un cuore dove riposare,
e profumi amati che
son la mia casa.

Ho l’amore.

Lucia Lorenzon 13 novembre 2018

View original post

Nuvole

immagine di mia creazione

Le nuvole ridono di noi,
del nostro affannarci
veloce e inquieto,
le nuvole ridono
del nostro sacrificare
l’ oggi per il domani,
dello sguardo volto
ad un passato che non può essere più.
Ridono le nuvole,
scherzano col cielo
giocano a nascondino col sole,
e velano pudiche stelle
dallo sguardo di troppi desideri.
Ridono le nuvole
mentre cambiano colore e forma,
corrono col vento
si fanno sempre nuove
e complici di un nuovo tempo.
Piangono le nuvole,
quando non le guardiamo
dimentichi
di alzare il volto all’insù,
a raccoglier sogni, speranze
a imparar che la vita muta
che la vita è istante.

Lucia Lorenzon, 4 novembre 2018
immagine di mia creazione

Notti

Notti di me e di te, di desideri raccontati dallo sfiorarsi di dita. Notti lontane a carezzarsi pensieri, a giocare con la magia di due anime che sanno sentirsi in silenzio; senza vista, nè udito, nè voce. Notti di luna piena e stelle che regalano ombre e luci, dipingendo sagome di una danza d’amore nel buio, affreschi di passione senza tempo. Notti calde di profumi, di odori nuovi, di lenzuola bagnate d’amore.
E riconosci quel suono? Quello sciabordio di corpi che si fanno tempesta appropriandosi l’uno dell’altro con desiderio spietato?
Odi quelle grida che chiedono una pietà che non vogliono , vittime di insopportabile piacere da cui non vorrebbero mai requie?
Notti di fiabe e poesia di confidenze lente, di racconti a fil di voce, di tocchi lievi come seta che sanno solo di tenerezza, di piccoli baci in fronte, sulle palpebre chiuse, di buone notti, di respiri quieti e sereni. So che sei lì, sai che son qui.
Notti di lacrime, di ricordi che fan paura di paure nuove, di prove di vita, di scalini da fare da soli, di muri da abbattere, di consapevolezza che però noi ci siamo per noi. Siamo dietro il muro, sopra la scala, oltre ogni ostacolo, oltre, primi tifosi:” perché tu sei il mio credo e la mia indefessa fede”.
Notti senza tempo né spazio, così era ieri, così oggi, così sarà domani.
L’infinito ci appartiene.

Lucia Lorenzon, 2 novembre 2018