Archivio tag | amore

Non chiedetemi cos’è l’amore

Non chiedetemi cos’è l’amore.
L’amore è senza spiegazioni, e ne ha mille.
L’amore è tondo e quadrato, é alto e basso é generoso e geloso. L’amore è un battito di ciglia, un ciuffo di capelli spostato con dolcezza, l’amore è un pensiero, è una piuma, una fiaba, ma è duro, combatte, si sporca.
È il più dolce dei sorrisi, la più sfrenata risata, le lacrime più disperate. Felicità e poesia, malinconia e paura, nero e bianco, rosso vermiglio. L’amore è logorroico e silenzioso, invadente e rispettoso. È ali e catena. Volo e caduta, mano che rialza. Quotidianità e avventura, culla e montagna russa.
È improvvisa ritrosia, è sfrontatezza
L’amore è figlio, l’amore è padre.
L’amore è sì, l’amore è no.
È pelle di seta e ruga di vita.
È la luce è la notte.
È bacio sulle palpebre, profumo e sudore, possesso e libertà.
“Ti amo” in un sussurro, orgasmo gridato.
L’amore nasce e non muore. L’amore vive.
L’amore è giovane, é antico. É sempre.
L’amore è prosa e poesia.
L’amore si allontana e torna. L’amore resta.
L’amore scalda, l’ amore gela.
L’amore spera, prova, l’amore rinuncia ma non perde.
L’amore ha mille nomi e uno soltanto.
L’amore sei tu.
Lucia Lorenzon, 24novembre2018
immagine di Valeria Favrin: http://ingarbugliata-mente.tumblr.com/

Annunci

Sposi

Fruscio di seta,

per un’inattesa sposa

che avanza,

lungo le navate del tempo.

Tu l’accompagni,

e l’attendi,

incarnazione d’amore,

che vive in ogni ruolo.

Dammi la mano, mio sposo,

cammina con me,

ci fermeremo solo un attimo,

occhi negli occhi

a dirci “per sempre”.

Sei la scelta di ogni giorno,

sei la scelta di ogni vita.

Destinati colonizzatori,

terrò in grembo

i figli di ogni nostro tempo.

L’ Amore ci ha voluto

suoi testimoni.

Mio sposo, tua sposa,

in ogni domani e

in ogni ieri.

No,

non finché morte non ci separi.

Non si separa mai

chi l’ Amore ha scelto.

©LuciaLorenzon, 27 febbraio 2018

Indecente e puro

Non tiepide coltri,

abbracci trattenuti,

“ti amo” a contagocce.

Non abitudini d’orgasmi

silenzi o pudori.

Spoglia,

anima e pelle indifese,

ma intrepide,

ti ho dato.

Non ho trattenuto ,

non ho contenuto.

Ho per unico confine

le tue braccia.

Tienimi.

Mi hai portato

dove mai ero stata,

per sentirmi gridare

l’amore,

indecente, spudorato, scandaloso,

eppur puro,

come una trepidante

deflorazione del cuore;

come il tremore

di una eterna prima volta.

Lucia Lorenzon , 16 gennaio 2018

Ciao, caro 2017…

Te ne vai 2017, te ne vai e resterai per sempre tra i miei ricordi più cari, lo avevo scritto già alla fine del 2016, e non avrei osato sperare avresti potuto essere ancora più prezioso.
Non facile, no, ma le cose che restano più care al cuore spesso non sono affatto le più facili, ma pieno di bellezza, di scoperte, di emozioni, di speranze, di risorse inattese, di sogni, di fierezza, e persino di felicità.
La felicità in fondo non la conoscevo. Quegli attimi d’infinito in cui ti scendono le lacrime e ti rendi conto che stai beneficiando di qualcosa che non dimenticherai mai. In cui tutto dentro è in armonia. E persino hai paura a dire che esistono, e se, per caso lo confidi, spesso trovi qualcuno che ti vuole dimostrare che: “Sì, però hai avuto tanti dolori, hai pianto, hai tanti problemi irrisolti”.
È vero, ho pianto, ho sofferto, ho una salute terribile, non ho risolto molti problemi, ho mille punti interrogativi cui non so dare risposte, ma sono stata anche felice.
Mi sono addormentata spesso con pensieri sereni, e svegliata con dei dolcissimi buongiorno.
Ho continuato a coltivare speranze, sogni, passioni,che non sapevo nemmeno di poter avere, fino a due anni fa. Ho avuto attestati di riconoscimento e di stima di capacità che cerco di affinare come posso perché mezzi ( economici in primis) ne ho davvero pochi.
Ho litigato da morire con la donna che mi è madre ma che non mi è stata che in rari momenti “mamma”, una ferita affettiva che avrò sempre, lo scontro con una freddezza che non mi appartiene, ma provo a farmi fare meno male. A capire ancora fatico moltissimo, perlopiù non riesco; ma chissà…
La dolcezza, il calore, la tenerezza, la stima, persino l’ammirazione, ho comunque avuto la fortuna di riceverli lo stesso, e di immagazzinarli nella mia scorta d’amore, che era davvero povera, poverissima, ma sta crescendo e spero riuscirò a farla crescere ancora, e a non dissiparla.
Non ho imparato ad amarmi molto, ma ho imparato ad essere un po’ più fiduciosa nelle mie forze, un poco piu’ positiva, ho imparato a non farmi totalmente annientare dalla sofferenza fisica.
Ho fatto una cosa che credo quasi totalità delle madri dia per scontata, sono andata in vacanza da sola con mia figlia. Una semplice settimana al mare che per me è stata una conquista enorme. Non ho mai osato farlo, troppo incerti i miei giorni, troppo in balia di improvvisi rovesci di salute che mi rendono pressoché impossibile essere lontana da casa sola, con una bambina.
Questo 2017 mi ha portato anche questo, il coraggio di rischiare ciò che mai avevo osato…ed è andata bene, ed è stato così bello. Devo molto per questo a Stella, alla sua grande autonomia e molto a chi mi ha instillato fiducia giorno dopo giorno. E al mio averci creduto; perché se certe, incredibili persone, dimostrano tanta fiducia in te, ti appoggiano in ogni modo, come fai a non provare a crederci?
Ci sarebbero tanti momenti di quest’ anno da incastonare, ma capisco che ci sono cose che sono belle solo per il cuore di chi le vive, e dal di fuori possono sembrare tutt’ altro.
Ci sono magie in cui so che posso credere solo io. E va bene così.
Ho imparato a dirmi e dire, seppur con il cuore che trema, che so cosa sia la felicità, anche se, nel momento stesso in cui lo dico, sembra che debba succedere qualcosa che la renderà impossibile in futuro ( forme istintive di scaramanzia, credo).
Tengo stretta la mano di creature preziose, speciali, e scavalco questo passaggio d’anno sapendo che con tutte le mie forze le terrò strette e cercherò di essere migliore per loro e grazie a loro.
Ciao caro 2017. E grazie davvero, di tutto.

Lucia, 30 dicembre 2017

Sfida al tempo

Ho visto per primi

i tuoi occhi

ad ogni mio risveglio,

ed ogni sera

ho allungato la mano

alla mia destra, verso di te,

sussurrando: “Buonanotte Amore”.

Ti ho accarezzato piano,

per non turbare il tuo sonno

nelle mie notti insonni,

o solo ascoltato,

il tuo quieto respiro,

la più dolce ninna nanna

per la mia anima.

Ho parlato al tuo cuore

nei giorni che ci han visto lontani,

affondando il naso

nel profumo dei tuoi vestiti,

chè nulla amo come il tuo odore,

quando me lo ritrovo addosso.

Ho volato con te,

in ogni modo,

basta prenderci la mano

per andar lassù,

tra stelle e desideri.

Per te ho cantato

canzoni d’amore,

e scritto parole

con ambizione di poesia.

Ci siamo raccontati

il mondo fuori,

il mondo dentro,

tutto il prima di noi,

che ancor mi chiedo

come possa esser esistito.

Intimi e confidenti come amici,

infuocati come amanti.

Abbiamo riso,

abbiamo pianto,

non ci siamo persi mai.

E così sarà,

non fino alla fine dei nostri giorni,

ma oltre,

laddove il pensiero e l’amore

sfidano vittoriosi il tempo,

l’infinito,

mutandosi in eterno.

Lucia Lorenzon 21 ottobre 2017

Passato cambiato

Ho ricostruito
una memoria.
Abbattuto
ogni vetusto rudere,
rimasto a ricordo
di ciò che non deve più essere.
Nessuna erba infestante
aggroviglia
il passato al presente;
estirpata,
ha fatto posto a fiori colorati,
profumati e gentili,
che han tinto di luce il buio,
e sostituito,
con l’amore,
la paura.
Mi volto indietro
e sorrido.
Il passato può cambiare.


Lucia Lorenzon,
 14 ottobre 2017

Baciami la nuca

eccomi al mensile appuntamento col ” Caffè Letterario” , appuntamento scordato lo scorso mese perché sono una distrattissima.
Buona lettura

Caffè Letterario

Rieccomi, una poesia un tantino “hot” questa volta, spero vi piaccia.

Baciami la nuca,
bagnata di piacere,
dopo ore d’amore
senza pietà,
nè mia,
nè tua.
Ci siamo persi,
dentro noi,
sentenziato,
con passione furente,
la reciproca appartenenza,
un possesso senza paure.
Mi consegno,
ti consegni.
Fusi in un mondo
che ci ha come soli abitanti,
ma creatori di nuove visioni,
di nuovi sogni,
nuove realtà.
Siamo nostri, Amore;
ma ora baciami la nuca,
a lieve sigillo
di un per sempre.

Lucia Lorenzon, luglio 2017

View original post