Archivi

Le mie creazioni grafiche, ed io…

Da un paio d’anni ho cominciato a dar spazio anche alla mia parte di creatività non fatta di parole ma di immagini, e, pian piano, il mio negozio online è stato sempre più apprezzato dai responsabili della start-up teeser che ha un’app ormai scaricata da centinaia di migliaia di utenti. Sono da più di un anno una dei loro 20/22 creatori di punta. Ancora non vendo molto e sto proponendo le mie grafiche anche su altre piattaforme, ma è una cosa che amo moltissimo fare e spero di poter crescere nel tempo. La visibilità social è purtroppo fondamentale per questo tipo di vendita e io non l’ho curata molto, cerco di migliorarla, ma ci vorrà tempo e l’acquisizione anche di strumenti e conoscenze che servono come in ogni cosa che si voglia far crescere.

Se vi va di seguirmi (o, chissà, comperare qualcosa 😁 ci sono i saldi fino a fine agosto 2019) vi lascio sotto la mia foto i link per trovarmi attraverso vari canali.

Grazie

Lucia

TEESER (IL MIO SHOP ONLINE): https://teeser.it/teesigner/lucial

INSTAGRAM DA WEB E APP: http://www.instagram.com/lucialcreazioni/ ( o semplicemente @lucialcreazioni per chi ha l’app)

FACEBOOK:

https://www.facebook.com/LuciaLcreazioni/

Seguono alcune altre grafiche della mia linea estiva che trovate su t-shirt e felpe uomo, donna, bambino, neonato e su cover smartphone

Questa è la grafica che indosso nella foto

E ALCUNE PROPOSTE PER L’AUTUNNO

Camminate tra le nuvole…

immagine di mia creazione

Camminate tra le nuvole
a cercar fantasia,
camminate tra le nuvole
a cercar poesia
e frammenti di stelle.
Cercate unicorni e draghi,
nuove magie.
Camminate tra le nuvole
per imparar la leggerezza,
camminate
tra scrosci battenti di lacrime
e batuffoli bianchi,
che incipriano il cielo.
Correte scalzi,
se inciampate non vi farete alcun male.
Camminate tra le nuvole,
chè coi piedi sempre ben piantati per terra
sbiadirete i sogni,
e non saprete mai
chi abita negli arcobaleni.

Lucia Lorenzon 2 gennaio 2019

Nuvole

immagine di mia creazione

Le nuvole ridono di noi,
del nostro affannarci
veloce e inquieto,
le nuvole ridono
del nostro sacrificare
l’ oggi per il domani,
dello sguardo volto
ad un passato che non può essere più.
Ridono le nuvole,
scherzano col cielo
giocano a nascondino col sole,
e velano pudiche stelle
dallo sguardo di troppi desideri.
Ridono le nuvole
mentre cambiano colore e forma,
corrono col vento
si fanno sempre nuove
e complici di un nuovo tempo.
Piangono le nuvole,
quando non le guardiamo
dimentichi
di alzare il volto all’insù,
a raccoglier sogni, speranze
a imparar che la vita muta
che la vita è istante.

Lucia Lorenzon, 4 novembre 2018
immagine di mia creazione

Le fate tra noi: Gessica Notaro

In queste foto Gessica Notaro (credo ai più conosciuta) indossa una t-shirt modello corto con una grafica che ho creato per lei con @teeserofficial_app ispirandomi al film “Dirty Dancing” all’indomani di Ballando con le Stelle, dopo averla vista più volte volare sostenuta dalle braccia del suo ballerino Stefano Oradei. “Nobody puts Baby in a corner” (Nessuno può mettere Baby in un angolo) diceva nel famoso film Patrick Shwaize. Qui io lo adatto a lei “NOBODY PUTS GESSICA IN A CORNER”

Penso a lei come una fata e questa fiaba l’ho scritta per lei. Io la vedo così:

” C’era una volta una fata con ali grandi, lunghi capelli scuri e gambe chilometriche. Bella come possono esser belle solo le creature che la natura e il creato amano, chi la guardava ne restava incantato. Aveva la magia in sé, sapeva parlare agli animali, in particolare ai delfini, con cui giocava e coi quali si scambiava segreti, che solo loro potevano capire.

Tanta bellezza purtroppo può generare invidia, cattiveria, desiderio di possesso e anche in questa fiaba entrò un essere cattivo, finse di non esserlo, finse di amare veramente la bella fata, e la fata se ne innamorò.
Ma le fate non puoi tenerle in gabbia, le fate appartengono alla natura, al mondo, al cielo, hanno grandi ali per volare e se non volano libere muoiono.
Desiderosa di volo e libertà provò ad andar via ma il mostro si rivelò per quel che era: la voleva solo per sé, non voleva la sua bellezza fosse dono per tutti e così decise di portargliela via lanciado sul suo meraviglioso volto un liquido corrosivo.
La fata non morì ma il suo volto si riempì di cicatrici, credette di non poter più vedere, credette di morire.
Ma non possono morire le fate. Nessun mostro può rovinare il loro incanto. Nessuno può deturparne l’ anima, spezzarne le ali.
Si riprese, con forza, con dolore , con coraggio, e il suo viso riflettè la bellezza del suo cuore. Nessun mostro può sfregiare, in nessun modo, la vera bellezza.
Riprovò a distendere le sue ali e volò, altissima, a passo di danza, così che tutti la potessero vedere. Così che tutti traessero dalla sua luce forza per le loro vite.
I mostri hanno tanti volti ma noi ricordiamoci sempre che li possiamo sconfiggere.
Le fate sono fra noi.
Le fate possiamo essere noi.

Lucia Lorenzon, 28 settembre 2018

a Gessica il mio grazie per aver indossato questa t-shirt, la grafica è semplicissima, ma il ritorno di pubblicità per il mio store online di T-SHIRT, COVER, E FELPE, e per il mio profilo Instagram, vista la sua notorietà è stato significativo. Le avevo semplicemente scritto dicendole di volerle regalare la maglietta e lei si è offerta di farmi pubblicità. Una persona davvero bella, e le persone belle non le può davvero sfregiare nessuno, MAI.

Se avete voglia di vedere le mie altre creazioni le trovate in questo shop online : https://teeser.it/teesigner/lucial

il mio profilo Instagram invece è questo: http://www.instagram.com/lucialcreazioni

Ho solo bisogno

immagine di mia creazione

Ho solo bisogno

di un soffio,

di un alito di vento caldo,

che porti memorie

di profumi lontani,

di umidità segrete.

Ho solo bisogno

di un pezzo di cielo,

di sincronie di pensieri,

laddove discronico

è il tempo.

Assaggerò sempre i tuoi sapori nuovi,

guarderò le nuove emozioni,

che i tuoi occhi recano impresse

e il tuo cuore porta nel suo battito.

Lo riascolterò, attenta,

so che ci sarà una sfumatura diversa,

e proverò a farla mia,

se me la doni.

Voglio essere il tuo vaso comunicante

per sempre,

cosicché da me arrivi ciò

che in te entra.

Ho solo bisogno

di pioggia e di sole,

per coglierti nel loro abbraccio arcobaleno.

Ho solo bisogno

d’ essere attenta,

ogni senso vigile,

ogni canale aperto

Un’ antenna viva,

per captarti ovunque.

Lucia Lorenzon, 7 agosto 2018

Quando si dice “stare sul pezzo” 😃

5 t-shirt per raccontare un festival, e ci sono anche io!!!

https://teeser.it/teeworld/5-momenti-top-sanremo-2018-5-magliette/

Cachi

Immagine digitale di mia creazione

Cachi

Mi ingegno allor oggi
a far rima con cachi,
chissà se è un’ idea venuta a pochi.
Potrebbe sembrare quasi sconveniente,
parola che può suonare irreverente;
ma son doni di autunno inoltrato,
fra i più dolci frutti che natura ha creato.
Di alberi nudi son vivo decoro,
e infatti son detti anche “pomi d’oro”.
Colorano il grigio della loro stagione,
con punti giocosi di sfrontato arancione.
Potreste non amare l’ eccessiva dolcezza
o invece trovarli eccelsa prelibatezza.
Comunque di certo non potete ignorarli
difficile vederli e non fermarsi a guardarli;
che gli scatti una foto
o ti rallegri il palato
è un gran seduttore il pomo caco.

Lucia Lorenzon, 1 novembre 2017