Archivio | novembre 2019

Restami dentro (video poesia)

Ribloggo da “Caffè Letterario” il mio post di oggi, che aggiunge un video di mia creazione alla poesia “RESTAMI DENTRO” che ho qui pubblicato cinque giorni fa.

Caffè Letterario

Ho pubblicato pochi giorni fa questa poesia sul mio blog. La pubblico ora qui, con il video che ho creato aggiungendo alle parole musica e illustrazioni.

immagine di: https://instagram.com/ess_illustrator2?igshid=13p335k9b2b1e

Mi offro,
nuda,
disarmata,
piena di cicatrici,
col corpo che racconta vita.
La sottile ragazza si cela,
sotto la morbida carne degli anni.
Voglio ancora
la tua avida mano
a percorrermi,
esplorarmi, indecente,
fino a che io lasci la ragione,
gridando.
Il tuo seme ha messo radici,
che come braccia
mi avvolgono.
Restami dentro,
a far fiorire eterne primavere,
e dipingermi colorati autunni.
Guardami,
la vecchiaia sa essere golosa,
la voluttà
non si piega al tempo,
se scintilla anche nei soli occhi.
Gemimi addosso
che saprai amarmi sempre.

Lucia Lorenzon, 15 novembre 2019

View original post

Restami dentro

Mi offro,
nuda,
disarmata,
piena di cicatrici,
col corpo che racconta vita.
La sottile ragazza si cela,
sotto la morbida carne degli anni.
Voglio ancora
la tua avida mano
a percorrermi,
esplorarmi, indecente,
fino a che io lasci la ragione,
gridando.
Il tuo seme ha messo radici,
che come braccia
mi avvolgono.
Restami dentro,
a far fiorire eterne primavere,
e dipingermi colorati autunni,
Guardami,
la vecchiaia sa essere golosa,
la voluttà
non si piega al tempo,
se scintilla anche nei soli occhi.
Gemimi addosso
che saprai amarmi sempre.

Lucia Lorenzon 15 novembre 2019

Ti ho amato di più

Ti ho amato di più,
più di quanto abbia amato mai,
di quanto il mio cuore ferito
sapesse,
potesse.
Ti ho amato di più
dell’impossibilità di amarti.
Ti ho amato senza toccarti,
senza vederti.
Ho fatto della tua voce
la mia casa
la mia notte e il mio giorno.
Sei diventato il passato che non ho avuto,
il battito innamorato
del mio futuro tempo.
Mi sei padre,
mi sei figlio,
mi sei compagno.
Ti ho amato di più,
più di un Dio che non so,
più dei miei terrori
più dei miei dolori.
Ti ho amato di più
della carne,
più di ogni passione,
Ti ho amato come una comunione,
blasfemico
corpo nel mio corpo,
spirito nel mio spirito.

Ti ho amato di più.

Lucia Lorenzon, 13 novembre 2019