Archivi

Chi siamo noi



Chi siamo noi,
cosa narra questa pelle
che brucia
al solo pensiero di un tocco,
questa bocca
che cerca, arsa,
dissetanti baci.
Chi siamo noi,
che ci stiamo dentro,
gusci,
foderi perfetti,
che non san più star vuoti.
Chi siamo noi,
che ci confidiamo,
con silenzi colorati d’ogni emozione
e fibrillazioni simultanee del cuore.
Chi siamo noi,
se non edera e muro,
polline e vento,
stelle gemelle di uno stesso cielo,
che non sanno più esistere,
se non insieme.

Lucia Lorenzon, 21 giugno 2017

Ho un angolo di vita…

Ho un angolo di vita
adorno di fiori, profumi,
di colori e musica.
Ho un angolo di vita
dove vivono fate
gnomi e folletti.
Ho un angolo di vita
dove si leggono fiabe,
ballate,
filastrocche e poesie.
Ho un angolo di vita che sa
di cioccolato
di vino buono,
di mille assaggi di bontà.
Ho un angolo di vita
dove c’è spazio
per ogni stagione.
Ho un angolo di vita
pieno di sogni,
di speranze,
e qualche fantastica utopia.
Ho un angolo di vita
pieno d’amore,
passione,
e infinita tenerezza.
Ho un angolo di vita
colmo di carezze,
sorrisi, lacrime di gioia,
abbracci ed emozioni.
Ho un angolo di vita
fatto di confidenze
segreti,
parole care e quotidiane.
Ho un angolo di vita senza tempo.
Ho un angolo di vita
che vale una vita.
Lucia Lorenzon, 11 giugno 2017

Avrei 

Avrei voluto poterti amare

anche da vecchio, 

chè vecchio,

non è parola brutta,

per chi si ama.

Avrei voluto

che il vantaggio dei miei anni

fosse divisibile per due,

e fartene dono.

Avrei voluto

sfumare la passione 

in carezze,

amandoti ancor di più.

Avrei voluto camminarti,

fiera, accanto,

incurante di qualunque sguardo;

e addormentarmi 

notte dopo notte,

al suono del tuo respiro.

Avrei voluto fluttuare,

nel mare dei tuoi occhi,

per tutto il tempo mortale concessoci.

Avrei voluto baciarti

il cuore ogni giorno,

chè il tuo cuore 

sarà sempre pieno

di sogni, di giochi, di stupori

e d’amore, come quello d’un fanciullo.

Avrei voluto 

percorrere le vie della tua sera

mano nella mano,

fino al buio.

E ritrovarti poi, oltre.
Lucia Lorenzon , 3 giugno 2017

Dove muoiono le farfalle?

gif di mia creazione

Dove vanno a morire le farfalle?
Dove si disperde
il sontuoso colore,
la polvere magica,
la bellezza che toglie il respiro
(durando il tempo di un respiro)?
Dove muoiono,
portando con sé
il fruscio della meraviglia,
e l’incanto della fragilità
che si fa sogno?
Creature ammaliatrici
illudeteci,
dolcemente,
che la bellezza non muore.

Lucia Lorenzon, 21 maggio 2017

La gif è mia, risultato ancora molto “acerbo” ma mi piace far esperimenti.

Sto imparando… ( Festa della mamma)

Lucia e Stella Lorenzon (autoscatto)

Sto imparando a fare la mamma da te, sto imparando a fare la mamma dal tuo amore e dall’amore di chi mi ama davvero, sto imparando a perdonarmi le mille carenze, le tante difficoltà in cui vivo e che ricadono su di te. 

La mamma è sola, la mamma piange, la mamma non ha possibilità economiche.

La mamma è sempre “tutta rotta”, e riesce persino a dimenticarsi di darti la merenda da portare a scuola (solo due volte ma mi sono sentita in colpa da morire).

La mamma è buffa, la mamma fa gli scherzi, la mamma è strana, la mamma fa disegni.

La mamma ha i capelli rossi gli occhi verdi: “mica sono tante le mamme così belle” ( e lo dici tu che sei un incanto).

La mamma ti bacia, ti abbraccia, ti dice che ti vuole tanto bene, perché a lei tutto questo non è stato dato e non vuole ti manchi, almeno nei ricordi, seppur da grande non potrà più farlo tanto spesso, perché magari non vorrai.

La mamma spera che tu non provi mai il dolore profondo, e mai guarito, forse il più grande, del non sentirsi amati dalla propria madre.

La mamma prova…cade…sbaglia.

La mamma ti dice “non riesco” e tu dici tante volte “non importa”.

La mamma  è riuscita a fare un miracolo bellissimo: TU ❤

Grazie degli auguri amore mio.

E ai tuoi aggiungo i miei a me stessa e a tutte le mamme che ci provano…sempre.
P.s. 

Auguri a una mamma che non c’è più ma che mi ha lasciato un regalo che ha cambiato il mio modo di percepire la vita. Si è mamme anche così.



Festa della Mamma

Stella è Lucia Lorenzon (autoscatto)

Non son mamma
di fiori e di cuori,
ma di scelte e dolori.
Non son mamma
di facile ruolo;
nè scelta,
nè errore,
ma patto d’amore.
Son mamma, da sola,
di un parto del cielo.
Non Madonna
ma donna,
per figlia una Stella.
Lucia Lorenzon, 13 maggio 2017


Auguri a tutte le mamme!

Ho amato

Ho amato un sogno
che ha voluto farsi realtà,
suono che vibra,
carezza che dissemina brividi,
seme che  fiorisce nelle mie viscere.
Ho amato un volto,
dipinto in un tempo passato,
che ogni giorno si fa magico,
con pennellate di colori nuovi.
Ho amato il calore
di un corpo, indossato
nelle notti di freddo e tempesta.
Ho amato la nostalgica poesia
dell’assenza,
di un cuore che parla ad un cuore,
di un fremito che giunge col vento.
Ho amato la felicità presente,
che si fa lacrima,
e il rimpianto di un tempo perduto,
che si fa dolce sorriso.
Ho amato audacemente,
senza catene, nè promesse,
un amore che rinasce ogni giorno.
Ho amato un solo uomo da sempre.

Ho amato un uomo che sempre amerò.

Lucia Lorenzon, 8 maggio 2017