Archivi

Covoni di fieno

Non ho nostalgia
di un un’infanzia mal posta
in un luogo ancora antico,
e greve di regole
che la mia anima, fragile,
non sapeva portare.
Mi sono fuggita dentro,
senza sapere come sperare,
facendomi carezze
coi sogni,
alfine troppo grandi,
per non farmi male.
Ho attraversato un buio cammino
per arrivare in questo tempo.
Sono nata da poco.
Di quei giorni antichi
salverei i covoni di fieno,
ora desueti,
dove avrei voluto esser
non bimba
ma giovane donna, per te,
per ridere
e giocare a nascondermi,
e poi baciarti, lungamente,
sotto un sole ancora felice.
Non sapevo esistessi,
eppur mi mancavi.

Lucia Lorenzon, 18 luglio 2019

Annunci

Vi chiedo il voto per una poesia…

La poesia che segue partecipa ad un concorso, se vi piace, se vi va, potete votarmi aprendo il LINK che lascerò dopo la poesia stessa e poi su “ACCEDI E VOTA” seguendo le semplici istruzioni, si può votare per sei giorni a partire da oggi, grazie comunque, in ogni caso.

Se mi hai amato tu,
viaggiatore tra visioni e sogni,
inesausto cantore di bellezza.
Tu,
col mare negli occhi
ed ardite vette nel cuore,
creatura di felicità e stupore,
che hai sempre sorriso al mondo.
Tu,
tanto amato
da mai sentirti vuoto,
forte e potente,
libero.
Tu,
incantatore incantato,
tenero e furente,
che muti le carezze in fuoco
e il fuoco in dolci magie.
Lucido e folle
mai sazio di conoscenza e vita

in costante ricerca,
senza fine e confini.
Se mi hai amato tu,
dovevo avere in me
un soffio di irrinunciabile,
un colore aggiunto,
una piccola poesia,
un’ emozione nuova.
Qualcosa di mai visto.
Sì,
se mi ami tu.

Lucia Lorenzon

questo il link da aprire per votarmi

https://strumenti.dantebus.com/contest/artwork/11680

GRAZIE ❤️

Lasciami dirti

illustrazione di @ess_illustrator2 (Instagram)

Lasciami, mentre piango,
in quest’ estasi, umida d’amore,
dirti di te,
dirti del tuo sapore
sulle mie labbra,
del retrogusto di miele e sale,
di fiori di limone,
di neve
e del dolore
che rammenta alla mia carne,
dove mi sei stato dentro.
Dirti di ciò che hai fatto
alla mia vita,
col tuo solo esistere,
del tutto, del qualsiasi,
ch’ io avrei fatto
per non perdere un secondo di te,
un solo istante, un respiro,
sapendo che ci sei;
per un alito caldo sul mio orecchio
per sfiorare con un polpastrello
Il tuo viso,
per sentire la tua voce,
o perdermi,
indecente, in te.
Impudica, sfacciata,
prendere,
e chiedere,
l’insopportabile piacere
del sesso che si fa amore.
Tua, in ogni silenzioso sguardo,
In ogni gridato orgasmo.
Ora, o ieri, o domani,
chè non conta il tempo.
Chè nulla conta,
se non l’esser sempre stati,
ancestralmente, uno.

Lucia Lorenzon 27 maggio 2019

Dentro, ti vivo.

Reblog della mia pubblicazione sul blog “Caffè Letterario”, buona domenica a tutti.

Caffè Letterario

Sei nel mio sangue,
nel reticolo delle vene
che si intravedono,
sotto la mia pelle di carta di riso.
Sei nel ritmo del mio cuore
sincronizzato col tuo respiro,
addormentatomi accanto.
Sei nelle gocce di pianto,
stillate dai miei occhi d’alga,
sempre in cerca del tuo azzurro.
Sei nel l’umido desiderio,
che racconta segreti peccati;
nelle rime di antichi cantori,
che forse già sapevan di noi.
Sei il sentiero insperato,
che porta fuori dal fitto bosco,
sei il tepore delle notti più fredde.
Sei sempre. Laddove ti cerco.
Sei nel mio ora,
nel mio sconosciuto futuro,
nel mio dimenticato passato.
Unica voce che sempre riconoscerò
la conosco da dentro,
perché dentro ti vivo.

Lucia Lorenzon

View original post

Amore bianco

Andiamo a correre come bambini,
laggiù, tra i pini ricoperti di bianco.
Facciamoci la guerra,
fino ad arrossarci , esausti, le guance
e poi sdraiarci a terra,
guardando il cielo grigio
e gonfio di fiocchi.
Le nostre risate felici
diventano caldo fumo,
mentre ci teniamo le mani,
ghiacciate.
Ti bacio, qui, ora,
in mezzo a questo candore
muto e perfetto,
le facce bagnate,
Il desiderio negli occhi:
-“Hai freddo piccola”
-“No amore, mai più freddo se ci sei tu”.
Andiamo via,
correndo dentro la nostra felicità,
mentre la neve
copre, materna,
la forma lasciata dai nostri corpi.
Terrà segreto che
l’amore, oggi,
si è fatto bianco.

Lucia Lorenzon 25 gennaio 2019

Porto con me…

Porto con me schegge di pazzia
e cristalli d’arcobaleno.
Porto con me rime, per amore e per gioco.
Porto con me nuvole nere di pioggia e serene notti di luna piena.
Porto con me nuove fantasie, fiori, galassie e canzoni.
Tengo questo corpo che impietosamente muta, ma è sporco di te.
Il rosso, l’azzurro, il verde…il grigio e il color grano.
Tengo parole,
parole,
parole,
fotografie,
occhi che lacrimano,
fatiche,
abitudini care
e coraggiosi nuovi passi.
Tengo profumi di cibo e di sudore.
Porto scatole di stelle filanti e milioni di coriandoli colorati.
Porto segreti e malinconie.
Porto terrori non vinti.
Porto gioie che nessuno ruberà più.
Porto commozione e stranezza,
il mio far da pagliaccio per regalar risate
e i miei smarrimenti bambini
che cercano abbracci.
Porto pagine bianche da imbrattare
e mani e occhi sempre più curiosi.
Porto tiepidi cappuccini e caffè d’orzo bollenti.
Porto zucchero e sale, quanto basta.
Porto domande cui dovrò trovar risposta
e la paura di poter sentirmi sola.
Porto fierezza e incertezza.
Porto notti insonni che han pause sognanti.
Porto la ragazza che sono stata per curarla ancora.
Vieni, porto te.

Lucia Lorenzon 31 dicembre 2018

immagine di #cuordicarciofo https://instagram.com/cuordicarciofo?utm_source=ig_profile_share&igshid=1tk6c1d9a2nu7

Mi vivi dentro

Che domani sarà domani
se non sarà coccolato dalla tua voce,
da quella erre che si fa francese,
dalla franca risata
e quel brillìo impertinente negli occhi,
di un uomo che sarà sempre
capace di essere bambino.
Che domani sarà domani
senza che la mia testa,
piena di poesie,
sogni troppo grandi,
mali antichi,
fatiche ed inesauste speranze,
possa poggiare lì, sulla tua spalla,
o sul battito del tuo cuore,
a trovar riposo e pace.
Quale sarà la mia casa,
se non al riparo
del tuo abbraccio,
tetto e mura,
focolare sempiterno per il mio
atavico freddo.
Non ci sarà notte senza dirti buonanotte,
né giorno senza buongiorno,
né sonno senza il tuo respiro,
ché niente può avere inizio
né fine,
né essere, senza te.
Sarai con me,
ora come domani
e oltre questo riduttivo tempo.
Nell’ “io” che sono ci sei tu.
Io sono fatta di te,
io così piccola,
tu così grande e mio,
mi vivi dentro.
Lucia Lorenzon, 14 dicembre 2018