Archivio | giugno 2015

“A te, papà, che non conosco…”

Grazie al blog “La smistalettere”https://lasmistalettere.wordpress.com/ per aver pubblicato questa mia lettera e aver speso cosí belle parole per noi.

La smistalettere

Cari voi,
qualsiasi cosa siate, qualsiasi cosa vogliate essere.
Magari non vi importa, ma io oggi non sto.
E qual è la novità, direte giustamente.
Non saprei, io so soltanto che sono capace di sentire freddo anche con questo caldo.
Freddo dentro, nelle ossa.
Non esistono medicine per questa malattia vero?
Questo morbo che soffoca l’ottimismo e calpesta la serenità, tirando calci e pugni nello stomaco e lanciando fitte nel cuore, un morbo sconosciuto che avvelena i pensieri e non ti fa respirare la vita.
Eppure io vorrei liberarmene, ma i sorrisi non bastano, neanche quei brevi momenti in cui dimentichi tutto, o in cui magari dormi.
Scusate la sfogo, ma ne avevo bisogno.
Non voglio parlare solo di me però, allora passo la parola a questa nuova lettera. Qui c’è qualcosa di bello e puro che solo l’amore vero sa regalare. Buona lettura a tutti voi!

Immaginando una lettera…

View original post 710 altre parole

“Perdonami”

image

A volte un
“Perdonami”
Aggiusta una vita;
Ma spesso muore,
Sepolto dai silenzi.

_Lucia Lorenzon

Grazie a Paola Conte
che ha voluto accostare le mie parole a questa immagine per pubblicarle sul suo sito http://www.bibliocasa.it/ e sulla sua pagina facebook: https://www.facebook.com/pages/Bibliocasa/299326836881441

LA BUFALA SULL’ “INSEGNAMENTO GENDER” : PSICOSI TRA WEB E WHATSAPP

C’è un messaggio, che circola in modo virale su Whatsapp, tra i gruppi di mamme di asili e elementari e i gruppi di mamme su facebook che lancia un allarme inquietate sull’ “insegnamento gender” che verrebbe introdotto col nuovo decreto legge Fedeli nelle scuole e asili italiani.
Una bufala, un atto terrorizzante e manipolativo. Si puo’ essere in disaccordo sul decreto legge ma non inventarsene i contenuti.

SECONDA!!! “10 Winners from the Flower Crown Graphic Design Contest”

http://blog.picsart.com/post/winners-flower-crown-graphic-design-contest

image

Lucia Gloria Zivago (@gloria-zivago) took in 150 votes and placed second, singling herself out by going for a beautiful mixed aesthetic. This image looked partially painted and partially photographed.

image

image

Spot concorso

E qui finisce questa avventura, con cui vi ho un poco anche tediato ma son troppo contenta per non farvi partecipi. (Aprendo il link iniziale si vedono le prime dieci foto classificate)

Concluso concorso della app Picsart
Tema: #GDflowercrown

Partecipanti: 1368 da ogni parte del mondo

Posizione in classifica della mia fotografiaSECONDA!!!✌☺👍

Voti dati alla mia fotografia: 150
(162 alla prima classificata)

Visualizzazioni della mia fotografia: piú di 4000

Voti da persone conosciute : 2, forse 3 (che so)

Voti da italiani : non so di preciso, ma intorno alla decina.

Premio: Nessuno!!! Solo la grande soddisfazione

Grazie a voi che mi avete seguito da qui coi vostri commenti.😘😘😘
Alla prossima ( ci provo spesso, a volte con risultati discreti, ma questo è per me sorprendente.)

Lucia

Rubata la mia foto in concorso

image

image

La mia foto rubata

image

Ecco… giorni fa vi parlavo di questa mia foto in concorso per la app picsart…tema #flowercrown.
1360 partecipanti da ogni parte del mondo,si vota fino a domani, la mia posizione oscilla tra secondo e ottavo posto per ora. Non vinco niente, solo soddisfazione personale.
Giorni fa scorrendo le foto in concorso vedo la mia foto, ritagliata ma uguale, al ventottesimo posto, proposta da un’altra come sua.
La incito ripetutamente a ritirarla. Non risponde. Segnalo a picsart la violazione di copyright. Finalmente oggi appare la sua foto con sopra scritto “stolen photo” e scompare…ormai vista da molti concorrenti.
Ma che genio questa a partecipare con la foto mia allo stesso concorso dove partecipo io.
Comunque cosí il clone mi ha fregato di certo voti.
Mah… Che senso avrà partecipare con la foto di un’altro.

Lucia

ECOMESTRUAZIONI: femminilità consapevole, coppette mestruali e assorbenti lavabili di Angelica Nucera

La coppetta mestruale e gli assorbenti lavabili : modi ecologici, rispettosi del corpo femminile, di grande risparmio e ancora troppo poco usati.

Concorso fotografico su picsart

image

Guarda questa immagine creata con #PicsArt da @gloria-zivago ( che sarebbe mio pseudonimo) a http://picsart.com/i/172175526004202

Tema : flowercrown
Posizione al momento (ci sono ancora giorni per votare) : NONA su oltre 1300 da tutto il mondo
Premio: la gloria 😂😂😂

Lucia

“Alla fine hai un bambino sano” di Angelica Nucera (ostetrica)

image

Siamo davvero sicuri che l’unica cosa che conti è che il Bambino sia vivo e sano nell’immediato? 
Che peso ha la Nascita sulla salute a lungo termine di Madre e Figlio? 
Quanto conta l’integrità fisica ed emotiva di una Donna che partorisce?
Non siamo vittime da immolare e sacrificare sull’altare in nome dell’amore per i figli.
Non è vero che è giusto subire durante il parto perché “tanto poi dimentichi tutto”.
Non si dimentica tutto.
Non si dimenticano le spinte sulla pancia quando a distanza di settimane abbiamo ancora le costole crinate.
Non si dimentica quel “taglietto” quando perdiamo feci, pipì e non riusciamo più ad avere rapporti sessuali appaganti, perché non basta riuscire ad averne (anche se a volte già questo è impossibile) ma è fondamentale provare piacere: una Madre è anche Amante e come tale ha diritto a godere pienamente del piacere del proprio corpo, ad avere orgasmi pieni e soddisfacenti. Una Donna che rivendica il suo diritto al piacere sessuale non è una Madre cattiva, egoista o puttana ma consapevole del proprio corpo e dell’importanza di una vita sessuale completa.
Non si dimenticano gli insulti, le parolacce, la mancanza di tatto e delicatezza, la fretta, le mani fredde, le luci accecanti, le urla.
Non si dimenticano le gambe divaricate davanti ad una folla di persone con gli occhi puntati sui propri genitali, né le dita in vagina di più e più operatori, più e più volte: la vagina ha una memoria e qualsiasi intrusione non necessaria e non voluta lascia un ricordo che può far male anche a distanza di anni.
Non si dimentica il dolore di vedere il proprio figlio allontanato, mentre qualcuno ci strizza la pancia.
Non si dimentica il gelo della sala operatoria, quando tutti i giorni allo specchio c’è la cicatrice di quell’intervento che brucia, brucia dentro, che sia stato necessario o, come spesso accade, no.
Guarire è possibile. 
Ma ancor più importante della guarigione è la prevenzione, la protezione da tutto questo e da tanto altro.
La Nascita non deve per forza essere violenta e brutale e noi Donne non dobbiamo accettare questo martirio non necessario che per la società sembra invece quasi un passaggio inevitabile per essere considerate Buone Madri.
“Non è l’aver sofferto e sopportato ogni genere di violenza che ti darà diritto a sentirti una Buona Madre. Non credere a chi ti dice che una Buona Madre è pronta a sopportare di tutto per suo figlio e che facendo leva su questo compie ogni genere di scempio sul tuo corpo. Hai diritto alla tua integrità fisica ed emotiva, alla tua vita sessuale, alla salute, all’amore per il tuo corpo. Ne hai diritto tu… E ne ha diritto anche il tuo Bambino.”

©Angelica Nucera

*Angelica Nucera é ostetrica libera domiciliare della provincia di Ancona, assiste nelle Marche e in Umbria, la sua pagina fb è:https://www.facebook.com/lalunaeilsoleostetrica, il suo sito web è: http://www.ostetricanucera.it)