Archivio | aprile 2017

Eterno ora

Io non ti ricorderò,
mai sarai un dolce volto
di un passato di emozione,
il ricordo di un brivido,
una lacrima di nostalgia.
Mai rimpianto,
mai passato,
mai colore sbiadito.
Il passato non è tempo
cui apparterrai.
Per sempre presente,
vita dentro vita,
respiro nel mio respiro,
occhi dei miei occhi,
parole nelle mie parole,
pelle della mia pelle,
battito del mio cuore.
Eterno ora.

Lucia Lorenzon, 29 aprile 2017

Raccontami

Raccontami
di luoghi lontani,
poesie mai sentite,
fruscii di farfalle.
Raccontami
di aquile e gabbiani,
cieli infuocati di tempesta
e notti di stelle cadenti.
Raccontami
di ciò che è stato,
di chi ti ha amato,
di chi ti ha potuto odiare.
Raccontami di ere antiche
e di futuri immaginifici.
Raccontami
la perfezione del blu
e la felicità di un giallo.
Raccontami
emozioni sconosciute,
paure segrete,
passioni che fan tremare.
Raccontami
la follia,
la magia,
il coraggio.
Raccontami
di quella ruga tra gli occhi.
Raccontami di te.

Siamo già stati…

Ci siamo già stati qui.
Abbiamo percorso
le vie umide di città del Nord.
Abbiamo già sentito
il caldo di quel mare africano.
Si sono già posati
i nostri occhi
sul tramonto di quel cielo
e sui colori di quel famoso quadro.
Siamo già saliti
su questo sentiero di montagna
e giocato a sentire l’eco dei nostri nomi.
Ci siamo baciati
davanti a quel fiume
e forse siamo saliti
su quella carrozza antica.
Conosciamo i segreti di quei boschi
e il profumo di nascosti fiori.
I nostri passi
hanno risuonato su mille selciati,
tenendoci per mano,
e una casa ci ha già visti
abbracciati, a dirci l’amore.
Noi siamo già stati Noi.
Lucia Lorenzon 25 aprile 2017

Ci sarà un tempo… (una mia video-poesia)

Ci sarà un tempo per noi, 

tempo sognato,
quando mi mancavi,
seppur non ti conoscevo.
Ci sarà un tempo
per leggersi l’amore
negli occhi,
per chiuderli, felici,
in un vicino sonno.
Ci sarà un tempo
di mani strette,
e di orgoglio di noi,
di baci improvvisi da ragazzini.
Ci sarà un tempo
di viaggi e di casa
di figli,
di pacchi dorati,
di emozionati Natali.
Ci sarà un tempo
di compiuto destino,
di favola bella
di stelle cadute
a realizzar desideri.
Ci sarà un tempo
per riconoscersi ancora.

Lucia Lorenzon, 13 aprile 2017

Scrivere…scrivere…

Dal blog “Caffè letterario” il mio ultimo scritto:

“Scrivere…Scrivere…”

Caffè Letterario

A volte ci provava a sublimare le brutture in poesia. Ci provava con gli occhi, ci provava con la voce docile e gentile. Ci provava con un sorriso.

Ci provava perdonando.

Ci provava scrivendo.

Scriveva, scriveva, su agende, diari, foglietti, PC, cellulari.

Senza interlocutori se non quelle pagine bianche, prima, quegli schermi vuoti, poi.

Parole per raccontarsi, parole per spiegare a sé stessa ciò che era. Per fare ordine nel caos, per dare un senso a troppe cose che per gli altri non avevano senso, e lasciarlo a testimonianza di sè o, chissà come racconto a chi sarebbe venuto. Un uomo, un figlio…qualcuno.

Una infinita mole di parole, per non perdere ricordi, per non perdere nè il male nè il bene.

Per andare a cercarsi quando si smarriva.

Per capire che era diversa da chi la circondava, ma non peggiore, no, diversa, fragile, impaurita, spesso e allo stesso con una…

View original post 150 altre parole

Corazza d’Amore

E scorrono
su cicatrici antiche
dita leggere.
Carezze laddove
c’è stato il male.
Come balsamo
districhi nodi dell’anima
e apri feritoie buie,
portando colore e luce.
Sono caduti i muri,
colpiti dall’ infinito rimbalzo
dei tuoi baci.
Ora le lacrime
scorrono per emozioni buone,
la mia pelle
profuma di te,
la mia bocca ha il tuo sapore.
La notte, nel buio,
la paura non si avvicina,
i mostri si arrestano;
indosso una corazza d’amore.

Lucia Lorenzon, 7 aprile 2017

Fiori dentro

Io, tra i fiori di ciliegio, 2 aprile 2017

Ci sono fiori
che nascono nel cuore.
Il loro profumo
arriva da dentro.
La loro bellezza
si scorge negli occhi,
che, pudici,
si chiudono,
a gelosa difesa.

Lucia Lorenzon, 2 aprile 2017