Archivio tag | vita

Indomita vita

image

Coperta,
da una spessa coltre viola.
Non respiro
Non sogno
Non esisto
Protettivo soffocamento. 
A questo buio
mi adatto,
quasi cieca.
Non cerco varchi
non cerco luce.
In questo 
tepore vegetativo
vorrei restare.
Perché?
Perché,
indomita vita,
sposti questa coltre
Spessa e conosciuta?
Uno squarcio di luce
ad Ovest,
Un soffio d’aria
nell’anima,
Un nuovo battito di cuore.
È dolore.
È amore.
È ancora vita.

Amori Virtuali #1: “Angela”

image

Angela era smarrita. Tra le mani il cuore traboccante di un amore inatteso e impossibile.
Strano senso dell’umorismo ha la vita, o il destino che sia; fino alla crudeltà, pensava.
Come era stato possibile farle incontrare qualcuno nella cui anima vedeva  riflessa la sua, nei cui occhi c’era un cielo in cui il suo cuore prendeva fiato, qualcuno a cui raccontare tutto, certa d’essere capita come mai prima, tra le cui braccia si sarebbe persa fino all’ultimo dei suoi giorni.
Come era stato possibile farglielo incontrare e negarle la possibilità di stare con lui? Innamorata, complice e felice?
Come era potuto accadere?
Non era il momento, i tempi erano sbagliati, lui impegnato, ma Angela ne era certa, quello era l’uomo della sua vita.
L’ uomo della sua vita che nella vita non avrebbe mai avuto.
Quell’odore che non conosceva era quello che voleva addosso.
Quelle mani che non l’avevano mai sfiorata erano quelle da cui voleva sentirsi accarezzare.
A quella pelle mai conosciuta voleva mescolare la sua.
Da lui avrebbe voluto essere posseduta, respiro dentro respiro, in un combaciare perfetto di corpi che, separati da troppo, potevano riunirsi e rimescolare le loro essenze.
Anima, mente, cuore, sudore, lacrime, sperma.
A nessuno era appartenuta tanto.
A nessuno sarebbe mai più potuta appartenere così.
E che infieriesse, sadica e impietosa la realtà, tenendoli separati per sempre non sapeva d’aver loro regalato un amore incorruttibile ed eterno.

Buongiorno a….

image

Buongiorno a chi lotta.
A chi si sente come su un ring coi guantoni.
A chi si sente su un filo, in equilibrio per non cadere.
A chi si sente seduto su delle macchine da scontro.
A chi ha tutta la grinta che gli servirebbe per vincere.
A chi ce la mette tutta.
A chi non si tira mai indietro.
A chi perde tutte le sfide.
Buongiorno a chi combatte contro il destino.
Chi contro la gente, la distanza, i pregiudizi, il mare, la logica e il cuore.
Buongiorno a chi fa finta di non sapere dove sono i guantoni e resta lì a farsi sconfiggere. 
Che tanto non vede altra scelta, non vede altra soluzione. Ci si stanca.
A chi dice “ancora una volta a me?!”
A chi sa “che la vita è un po’ più forte del tuo dirle ancora no”
E allora ci si ritrova lì a dover dimenticare ancora, a dover lasciar perdere ancora, a dover andare avanti ancora.
Buongiorno a chi di lasciar perdere non ha voglia, a chi anche stavolta non vorrebbe passarci sopra. 
A chi vorrebbe lottare ancora ma si chiede se ne valga la pena.
A chi raccoglie le sue macerie, nuovamente.
A chi non vorrebbe dimenticare più.
Buongiorno a chi aspetta la sua rivincita.
A chi sa che “Poi non è che la vita vada come tu te la immagini.”
A chi non smette di credere che magari una volta potrebbe andare esattamente come vorremmo. Chissà.

E ora siete in 200

image

Da ieri 200 follower.
Che dirvi? Grazie davvero, non me l’aspettavo, un anno fa, quando questo blog è stato aperto, per necessità di avere un account wordpress con cui poter scrivere come autrice in un altro blog…MonDonna ( https://redazionemondonna.wordpress.com/ )  che è blog a più voci.
Poi ho iniziato a scriverci ed è diventata la mia casa fuori casa. Anzi questa è più accogliente, più “mia”.
Tendo ad un autobiografismo “spinto” e chi mi segue finisce davvero col conoscere tanto della mia vita.
Alcuni di voi mi seguono fin dall’inizio, fin dai primi post e quindi san molto di me,  ma anche chi è arrivato di recente  credo riesca a farsi un’ idea rapidamente.
Io riesco a seguirvi poco e mi dispiace.
Anche se ho davvero nel cuore alcuni di voi e faccio il possibile per leggervi.
Grazie a chi c’è sempre, a chi passa ogni tanto, a chi solo un attimo, per curiosità.
Grazie per i semplici like e per i commenti che spesso scaldano il cuore e comunque fanno piacere.
Grazie di tutto.
Io a questo posto ci tengo molto e tutti coloro che vi entrano, con educazione, sono i benvenuti.

Un virtuale abbraccio a ognuno di voi.

Lucia

Vivere pochi minuti e insegnare tutto

Non la forza ma l’amore è quindi il filo cui siamo appesi, la mano che, giorno dopo giorno, ci sorregge. Ed è proprio di amore che la breve avventura di questo bambino americano in definitiva ci parla; dell’amore che rende prezioso ogni minuto, ogni istante di quel che ci è concesso di vivere

Giuliano Guzzo

vivere pochi minuti

L’essenziale non è invisibile agli occhi, non sempre. A volte indossa il mantello della realtà e si mostra. Magari senza dire nulla, ma comunicandoci tutto. Come ha fatto nell’Indiana

View original post 549 altre parole