Archivio tag | mai

Invisibili carezze

Fruscio lieve,
come ali nel cuore,
carezze invisibili
volano nell’aria.
Farfalle d’amore
portano baci,
sussurri,
promesse vere.
Non sarò mai sola
non ci  sarà più menzogna;
ovunque lo sguardo
si poserà
una bellezza lieve mi dirà di te,
mi dirà di noi,
della verità di un per sempre,
di un insolubile mai.

Lucia Lorenzon, 18 febbraio 2017

Annunci

Chi? Cosa?

image

Ma chi, cosa,
Chi? Cosa?
Potrà
Disgiungere
Ciò che
Mai é nato e
Mai morrà?
Non ostacoli umani
Interverranno
Su ciò che è eterno
E l’ingiuria
Del fato
Può solo immalinconire
E segnare di lacrime
Ma mai
Sconfiggere.
Mai.

Questa è la notte

image

Questa è la notte
Senza tempo
Senza domani
Senza perché
La prima
L’ultima
Strappata al sogno
Strappata alla realtà
In una dimensione
Da solo noi conosciuta
Segreti creatori
Di un nuovo mondo
Questa è la notte
Persa e ritrovata
Di un amore
Già stato
Mai stato
Che sempre sarà.

STORIA DI CINZIA, CHE NON SARÀ MAI SPOSA

image

Cinzia non aveva mai guardato con aria trasognata abiti da sposa.

Sposa non si vedeva, ché quel “per sempre finché morte non ci separi” lo prendeva con tale serietà da non crederla promessa possibile ad una creatura umana e come tale ne rimaneva rispettosamente lontana.

O, forse, nessuno l’aveva portata a crederlo possibile.

Era invecchiata da sola, partecipando a decine di matrimoni che aveva visto fallire, uno alla volta, falciati da stanchezze, tradimenti, incomprensioni, bugie, o forse dalla mancanza di fiducia nella possibilità di farcela, di andare oltre, di provarci ancora.

Era stata anche amante di un paio di uomini sposati, stanchi, arenati, che cercavano “parziali” vie di fuga, mantenendosi aperte tutte le possibilità, senza soffrire, impegnando il corpo e tenendosi il cuore.

Gli uomini  che aveva avuto li aveva amati tanto ma, forse non altrettanto intensamente amata o, forse era troppo esigente, troppo problematica, complicata…
O chissà.

Poi lui…l’incarnazione di ciò che esteticamente non le piaceva, decisamente più grande, un lavoro come tanti, libero.

Tenero, affettuoso, generoso comprensivo, fantasioso.

Alfine perfetto per lei.

Era andata oltre quell’aspetto, quegli sguardi interrogativi per una coppia tanto esteticamente improbabile e lo aveva amato, tanto, con forza, con concretezza, col desiderio di costruzione di una vita, finalmente, a due.

Lui l’aveva sostenuta, aveva supportato le sue speranze, colorato i suoi sogni.

E si vedeva, ora sì, non più giovane, sposa, sposa che attraversa le navate di una chiesa, per dire, incredibilmente, all’uomo che l’avrebbe attesa all’altare: “per sempre, finché morte non ci separi”.

Poi…Come una bolla di sapone tutto era svanito.

Svegliata da un sogno che le aveva invaso il cuore, svegliata da un’improvvisa fragilità che aveva solo colto ma non capito, o confuso con sensibilità estrema.

Nulla più possibile, nulla più realizzabile, l’amore che non scende a patti con la realta’.

Umano, troppo umano.

Resterà il ritratto di una sposa, sulla soglia di quel “per sempre” a cui non crederà  più.