Archivio tag | dita

Desiderio

Disegno di Frida Castelli

Pensava di averlo conosciuto il desiderio.

Non ne sapeva nulla invece. Non immaginava neppure cosa fosse davvero, prima di incontrare lui.

L’ urgenza, la ferocia, la felicità, lo struggimento.

Inutile dissertare sul sesso senza amore. Sì, sì esiste, ma non potrebbe mai arrivare a certe vette, a certe incomparabili vertigini.

L’ intimità, la familiarità, la conoscenza, si racconta, che tolgano, appannino; oh che errore! Se lo fanno non sono piene, non sono totali, non sono “tonde”.

Un corpo amato è emozione infinita. Un corpo conosciuto offre odori, essenze, rumori, suoni che sono la colonna sonora di un amore.

Sapere che, quel punto, sai solo tu che toccandolo la farà tremare. Sapere che sei solo tu a poter avere, sulle tue dita, certe segrete umidità.

Sprofondarsi dentro. Occuparsi. Possedersi.

Io te, tu me. Senza dimenticare niente.

Sapendo che nulla è proibito. Sfinirsi per ore, o consumarsi d’ urgenza. Dondolare tra crudezze da film hard e il miele di una vignetta di Peynet. Orgasmi morti in un grido, o accoccolati in un gemito.

Io e te.

Dimentichi di essere due riusciamo a diventare un unicum. Un dio mescolato, perfettamente felice.

Ci guardiamo, sapendo.

Ci sfioriamo, sapendo.

Giochiamo, viviamo, soffriamo.

Insieme, ogni maledetto, meraviglioso, giorno.

E sappiamo.

Sappiamo di quel Dio che ha la nostra pelle e il nostro amore in gola.

Lucia Lorenzon, 11 marzo 2018

Annunci

Vita sospesa

Foto di Lucia Lorenzon

Dita anelano

un sole che non c’è.

Vita sospesa,

ammantatata di grigio.

Non sei scheletro, 

ma custode

di linfa.

Sarà un incanto

il tuo abito a primavera.

Riconoscersi ovunque

Ho lunghe dita

Per disegnare 

Il profilo della tua bocca

E scivolarti _lenta_

Vertebra dopo vertebra

Lungo la schiena.

Fluenti capelli

Da disperderti addosso.

Labbra umide per

Gemerti desideri

Curve modellate

Per il palmo della tua mano.

Ho silenzi e grida

Che solo  tu senti

E segreti luoghi

Che solo tu conosci

La pelle mia sa di te

Ciechi, ci riconosceremmo;

_Ovunque_