Archivio tag | 8 marzo

Festa della donna

Auguri a…

Ad ogni donna ,
ad ogni madonna
ad ogni figlia di buona donna,
ad ogni bimba,
ad ogni ragazza,
ad ogni membro di questa “razza”,
che lotta,
che cresce,
che perde e subisce;
l’unica che partorisce.
A chi viene zittita,
a chi perde la vita
a chi viene oltraggiata,
a chi viene stuprata;
a chi viene amata e rispettata.
Ad ogni mamma
che ha concepito,
a chi questo dono
non è stato dato,
a chi vuole figli per istinto ancestrale,
e anche a chi figli proprio non vuole,
a chi li ha vicini,
a chi li ha lontani,
a chi li ha pianti ad un funerale,
a chi la mimosa
la vuole buttare
a chi la accetta,
con vero piacere.
Al giallo, all’azzurro
al rosa ed al nero,
ad ogni colore,
e ad ogni mistero,
di questa creatura,
di  tosta fattura,
che di essere donna
ha l’immensa avventura.
Lucia Lorenzon, 8 marzo 2017



Ligabue “Le donne lo sanno”


Annunci

LOTTO da quando M’ARZO!

Ed ecco una grandissima Mariella da MonDonna.

MonDonna

Teniamoci forte alla vita come se resistere fosse una liana di buoni propositi, come fossimo in costante crescita e in perenne ricerca d’identità, chiamate a fare lo slalom tra appellativi ed etichette, ruoli, passioni, fragilità.
Auguri alla donne che di notte fantasticano l’immaginario e l’inimmaginabile come se l’audacia fosse facoltà aliena, ma che di giorno desistono e arrossiscono.
Auguri alle donne che si coprono e si nascondono e a quelle che si svestono perché gli va o perché devono.
Auguri a quelle che sorridono mentre piangono, a quelle che dicono “forza, ce la faremo”, mentre la paura del futuro è attanagliante.
Auguri alle donne che ricominciano e a quelle che sono a metà dell’opera.
Auguri alle donne tristi e a quelle felici.
Auguri a madre badessa e alla donna all’angolo di strada.
Auguri alle donne con le rughe o i denti da latte.
Auguri alle donne che si abbuffano per…

View original post 68 altre parole

É tutte noi, è se stessa, è nessuna…di Lella Costa

“Non cambiare per piacere agli altri.
Chi ti ama accarezzerà le tue insicurezze.
Chi vorrà starti accanto si accoccolerà
alle pieghe della tua anima. Sii te stessa sempre.
Fatti un dono vero, resta come sei.”

Alda Merini.

A chi festeggia, a chi non lo fa.
Comunque con rispetto verso ogni pensiero. Cominciamo col rispettarci, veramente, tra donne.

Lucia

MonDonna

image

O troppo alta, o troppo bassa
Le dici magra, si sente grassa
Son tutte bionde, lei è corvina
Vanno le brune, diventa albina
Troppo educata, piaccion volgari
Troppo scosciata per le comari
Sei troppo colta preparata
Intelligente, qualificata
Il maschio è fragile, non lo umiliare
Se sei più brava non lo ostentare
Sei solo bella ma non sai far niente
Guarda che oggi l’uomo è esigente
L’aspetto fisico più non gli basta
Cita Alberoni e butta la pasta
Troppi labbroni non vanno più
Troppo quel seno, buttalo giù
Bianca la pelle, che sia di luna
Se non ti abbronzi, non sei nessuna
L’estate prossima con il cotone
Tornan di moda i fianchi a pallone
Ma per l’inverno la moda detta
Ci voglion forme da scolaretta
Piedi piccini, occhi cangianti
Seni minuscoli, anzi giganti
Alice assaggia, pilucca, tracanna
Prima è due metri, poi è una spanna
Alice pensa, poi si arrabatta

View original post 32 altre parole