Rivisitazione “minimal” locandine film noti

Appuntamento con la mia pubblicazione mensile sul.blog “Caffè letterario” oggi un poco inconsueta.

Caffè Letterario

Essendo arrivata trafelata a questa metà di giugno per i mille impegni, ( e ahimè malanni )miei e di Stella, ricorro oggi alle mie risorse “grafiche” e vi propongo una serie di poster “rivisitati” di film più o meno noti. Le ho create per partecipare a un contest, che non ho vinto, ma le ho comunque messe tutte su tshirt nel mio store online ( queste non sono tutte).

Buona visione!

Lucia

View original post

Annunci

8 anni domani,7 giugno 2018

E siamo arrivati a 8. Sai Amore, non ho grosse nostalgie del tempo in cui eri più piccola o angosce per un tempo che vola veloce. La tua crescita, la tua progressiva autonomia, ci ha avvicinate molto. La condivisione è molto più intima e profonda, ora. Anche gli scontri, perché hai un carattere bello tosto e alla fine è giusto ci siano, scontri, confronti, dialogo.
Le mie difficoltà di salute, i miei tanti limiti, pesavano di più su di noi quando eri più piccola. Dovevo delegare molte cose alla nonna perché non ero in grado di farle io. Ora alcuni limiti sono stati scavalcati grazie alla tua crescita, alla tua forte indipendenza e noi ci “sentiamo” molto di più. Mi dici sempre che sono una “mamma strana”, ma lo dici ridendo e io, ti confesso, preferisco mi trovi strana che troppo conforme alle altre mamme che conosci. Questo non è ovviamente un giudizio di merito, non sono migliore, nè peggiore, sono particolare, sono strana, sono tua.
Quella cui tu fai mille battutacce, per poi offenderti se te le faccio io “perché mamma io ancora non riesco a capire sempre quando scherzi”, ( ma tu sei anche permalosissima eh!) quella che ogni tanto vedi piangere ma che ti fa ridere tantissimo e sa coglierti spesso di sorpresa. Quella per cui hai un forte istinto di protezione, quella del “mamma, poi vieni due volte anche se dormo” perché della protezione hai bisogno tu.
Ho una grande ammirazione e una grande stima per ciò che sei, per il tuo senso di responsabilità persin eccessivo per i tuoi anni e la la contemporanea grande leggerezza con cui sai prendere la vita. Io non ero così, io ero timida, insicura, triste e paurosa. Mi piace pensare tu sia così perché,anche se non hai un padre, ti sei sentita al sicuro, ti sei sentita amata. Mi piace pensare che non hai paura di aprire piano piano le tue ali perché sai che, anche se dissestato e disordinatissimo hai un nido caldo caldo in cui tornare.
Sono diventata più mamma col tempo, per questo non ho nostalgie.
Sono stata anche aiutata in questo, perché, un giorno ti racconterò, sulla terra ci sono creature fatte di sogno, amore e poesia, che salvano dagli abissi dell’ anima anche se lontani; è Il secondo miracolo che ho vissuto insieme alla tua nascita.
Purtroppo hai la febbre e domani dovremo andare dal pediatra, ma la festa in giardino la faremo, appena questo folle giugno la smetterà con le piogge quotidiane.
Il grande pallone fucsia con la cifra dei tuoi anni e la torta ci saranno comunque, so che lo sai.
Buon compleanno Ciuciolo.
Ti voglio tanto bene.

Mamma

Sei la farfalla…

Sei la farfalla,
sei il calabrone,
la fragola rossa
e il dolce melone,
l’ accecante fulmine
e il tramonto arancione.
Sei bimbo felice,
sei guerra, sei pace.
Canti del mondo come un trovatore,
ma del mio cuore sei il signore.
Sei libertà e sei possesso,
la grande dolcezza,
il furioso sesso.
Sei la margherita, a volte impaurita,
eppure orchidea, dei fiori la dea.
Sei il più caldo di ogni abbraccio,
ma come un orso polare affronti ogni ghiaccio.
Sei la poesia , sei il sogno sfrontato,
il guerriero non domo,
il gentiluomo educato.
Sei la pioggia che profuma la terra
e il tornado impietoso come la guerra.
Sei il più grande incanto che io abbia incontrato,
il senso profondo di questo creato,
sia esso nato da un dio,
o da una primigenia esplosione,
i tuoi occhi, per me, ne son la ragione.

Lucia Lorenzon, 2 giugno 2018

Mamma di Stella

Lucia e Stella Lorenzon al Molinetto della Croda

Ma la rima con mamma qual’è,
chè parola più impegnativa non c’è?
Non fa mica rima con cuore,
ma è ventre che si fa amore.
Non fa nemmeno rima con vita,
ma lei la dà, dalla natura insignita.
E forse fa rima con figli?
No, ma per essi si fa tigre con artigli.
Magari la fa con eterno?
No, ma così è, il sentimento materno.
Di certo non con armonia,
ma qual poeta non ne ha fatto poesia?
Nemmeno, lo so, con canzone,
ma milioni di brani contengon quel nome.
Potrebbe essere, allor, con preghiera?
No, ma il suo nome è l’ invocazione più vera.
Nel caso mio
la verità è solo quella: la parola mamma fa rima con Stella.

Lucia Lorenzon, 13 maggio 2018

Auguri a tutte le mamme!

La mia pace

Ribloggo questi versi da Caffè Letterario, che ospita oggi la mia pubblicazione mensile. L’ immagine è una mia creazione digitale, le parole le ha dettate, di getto, il cuore.

Caffè Letterario

immagine digitale di Lucia Lorenzon

Ho creato fiori origami
per profumare l’ inverno
e disegnato velieri,
per sfidare i venti inattesi.
Ho soffiato bolle di sapone
per riempirle di desideri.
Ho versato parole di miele
nell’amarezza
e appoggiato le mie mani calde sul tuo costato,
per trafiggere il freddo nel cuore.
Ho fermato la poesia
della primavera,
in scatti non d’autore,
per colorare il grigio,
e il sorriso di una bambina,
per far sorgere per un attimo il tuo.
Ho trattenuto le lacrime,
per provare ad essere
asciutto conforto.
Ho parlato alla notte
perché ti portasse sogni lievi,
e al mattino perché regalasse speranze.
Ho atteso, silenziosa,
ma certa, che saresti stato di nuovo felice,
fosse anche in un tempo lontano da me.
Ho saputo di amarti
ancor più di quanto credevo
e compreso che la mia pace
è saperti felice.

Lucia Lorenzon 9 maggio 2018

View original post

Siamo Amore

Siamo amore
nel fiato corto dei giorni,
che faticano a far sera.
Siamo amore
nelle notti inquiete,
passate accanto senza toccarsi,
se non il cuore.
Siamo amore
nell’ affanno che toglie spazio al futuro,
per farsi istante.
Siamo amore
lungo i percorsi incerti
di cui non si conosce il traguardo.
Siamo amore
nei silenzi che si amplificano,
riempedosi di trepidante rispetto.
Siamo amore
nelle disattenzioni, nelle dimenticanze,
che si aggiustano con una carezza.
Siamo amore,
nel fondo degli occhi
che ripetono “ti amo”,
anche quando non si incontrano.
Siamo amore
nella consapevolezza, incorruttibile,
dell’appartenenerci, oltre ogni confine.

Siamo Amore.

Lucia Lorenzon, 29 aprile 2018

Di cosa è fatta la felicità?

Eccomi all’ appuntamento mensile con la pubblicazione sul blog “Caffè Letterario “; una filastrocca sulla FELICITÀ, accompagnata da due immagini, trovate su pinterest, che mi emozionano e commuovono.
Buona lettura.

Caffè Letterario

Di cosa è fatta la felicità?

Esiste un segreto, nascosto qua o là?

No, non c’è segreto, non c’è ricetta,

di certo non la si costruisce in fretta.

È fatta di cielo, è fatta di mare,

di altissimi monti e sterminate pianure.

È fatta di sole forte e cocente,

di pioggia e di neve, che accarezzan la mente.

È fatta di zucchero e un po’ di sale,

un po’, quanto basta,

chè sulle cicatrici fa male.

È fatta di amore, di abbracci, di baci,

di coccole dolci ed esplorazioni audaci.

È fatta di segreti, intimità, confidenza,

di silenzi, rispetto, ascolto e pazienza.

È fatta di sogni immensi e piccini,

alcuni vicini altri molto lontani.

È fatta di momenti di grande stanchezza,

a cui far fronte con sterminata tenerezza.

È fatta dei tuoi occhi e della tua voce,

della tua mano che stringe la mia e mi da pace.

La felicità…

View original post 32 altre parole