La mia “non festa” del papà

Se non si ha la fortuna di essere amati da un padre, totalmente, senza riserve, anche con spigolosità e scontri, ma sempre, si farà i conti con questa assenza per tutta la vita.
E purtroppo ci si farà male e si rischierà, spesso, di far male anche a chi nella vita ti è vicino.
Sai…”papà” ( quanta fatica chiamarti così)
ho sognato un abbraccio paterno tutta la vita. Ho sognato di poterti chiamare quando ero triste, quando mi sentivo delusa, quando avevo paura.
Ho sperato che il mio essere così brava a scuola ti rendesse fiero, che la mia bellezza ti rendesse orgoglioso.
Avrei voluto chiamarti quando ho fatto degli incidenti o quando mi sono trovata al buio e al freddo con una ruota a terra o la caldaia rotta.
Avrei sognato una spalla su cui piangere un abbraccio in cui rifugiarmi, la semplice possibilità di dire ” mi aiuti papà”.
Ma tu ti sei fatto inghiottire dall’ alcolismo e hai devastato la mia vita per decenni.E io ti sono stata, emotivamente, il più lontana possibile Mi sono persa in mille modi, nell’ anoressia, nella bulimia, nella tristezza.
Mi sono persa in amori sbagliati, talmente priva del tuo amore da cercarlo ovunque. Talmente sulla strada sbagliata da dare a mia figlia un padre che l’ ha rifiutata, non l’ha nemmeno riconosciuta, eppure ho mille volte pensato che è meglio non averlo un padre che vivere costantemente la tristezza di una presenza/ assenza.
Ora sei vecchio, con un cuore molto malato, hai smesso di bere, ma è avvenuto tutto troppo tardi. Non sento calore, non sento stima verso di te.
Un freddo perdono in qualche modo te l’ ho dato lo stesso. Eri una persona fragilissima psicologicamente, ma purtroppo la tua debolezza è diventata in modi diversi la mia.
Solo una dovuta riconoscenza: al nonno degno che sei stato, e sei, per la mia bambina, da lei ti sei fatto amare.
Un riscatto, in qualche modo, sul finire della vita, almeno quello, lo hai saputo cogliere.

Lucia

P.S.

Un grazie ad un uomo speciale, che pur non essendomi padre mi ha fatto “assaggiare” quanto deve essere bello poter contare su un amore paterno. E ha guarito anche profondissime ferite. Facendo gli auguri a lui li faccio a tutti i papà degni di questo nome.

19 thoughts on “La mia “non festa” del papà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...