Archivio | luglio 2016

La tua voce

Cerco ovunque
Il suono magico
Della voce tua
Nel coro delle cicale
Felici del torrido sole
Nel gentile
Canto notturno dei grilli
Che preferiscono
_Timidi_
Il buio.
Nel cinguettio
_All’alba_
Degli uccellini
che salutano la luce.
Nei tuoni improvvisi
Dei temporali estivi
Nello scroscio furente
Della loro acqua.
Cerco la tua voce
E non la trovo.
Forse sei
 _alfine_
Nel silenzio,
Nel baluginio gentile
Di una solitaria lucciola.

Annunci

Lui…

Lui è la sua vita. In ogni istante, ogni pensiero. Lui è con lei ovunque lei sia.

Lui è il suo calore, il suo colore, la sua luce, la sua musica.

La sua felicità sono i suoi occhi che la guardano, che la vedono; il suo pensiero che l’accompagna.La sua casa sono le sue braccia che la stringono, le sue mani che l’accarezzano.

Il suo cuore batte forte e il suo corpo trema perché lui la bacia, la tocca, la possiede, si mescola a lei.

E’ al suo cuore che lui insegna che cosa significhi essere amato davvero. É attraverso l’amore che prova per lui, che prova a riamare quella se stessa che lui ama. 

Lui è le sue lacrime di felicità, le infinite emozioni. Lui é racconto, é magia. Lui è la sua libertà di essere bambina, di farsi cullare, coccolare, di essere spontanea, di cantargli canzoni stonate. Lui  é il custode di dolori mai rivelati.

Lui è mille cose che non ha mai conosciuto.

Lui è il piacere mai provato. Il desiderio che quasi consuma. La dolcezza infinita. Lui è  la sorpresa costante della conferma dell’amore.

Lui è  il sangue che le scorre nelle vene.

Lui è  l’Amore totale. Non può essere niente di meno di questo. Non può essere contenuto, imbrigliato, razionalizzato. 

Lui è la Vita.

Lo sarà per sempre. Niente mai lo sostituirà. Niente può essere paragonabile a lui.

Lei è nata per arrivare da lui.

E’ nata per arrivare da lui e ricomporsi, ricostruirsi, respirare.

“Senza di te” non è un pensiero che lei concepisce. Non ne è  in grado. Glielo imporrà un giorno la fine della vita. E basta. E forse nemmeno. Perché da qualche parte, di questo sentimento immenso, non può non restare traccia. 

Non può finire più.

Lui è  qualcosa che é diventato parte di lei per l’eternità.

Lui è l’Amore. 

Il suo primo, unico, ultimo, vero Amore.

Dedicato…

Dedicato a qualcuno  che ha colorato la mia vita, o, forse, sta tirando fuori i colori che avevo dentro. Dedicato a chi sa amare in maniera generosa, a chi ritiene la tua felicità la cosa principale. A chi raccoglie le tue lacrime e sorride della tua allegria. Dedicato a chi sa ascoltare. A chi sa trasformare il dolore. Dedicato a chi ti ricuce pazientemente le ali. A chi spera che un giorno tu con quelle possa volare, perchè forse non é troppo tardi. Dedicato alle lacrime di felicità. Alle emozioni sconosciute. Alla paura di perdere. Alla pace di avere. Dedicato all’inatteso, all’imprevisto. A chi ti fa cambiare strada. Dedicato alla speranza che non muore e ai sogni che possono diventare veri. Dedicato alle mille forme dell’Amore. Dedicato al possibile dentro l’impossibile. Dedicato all’invisibile agli occhi ma visibile al cuore. Dedicato ad un regalo bellissimo.

Dedicato a una voce. A un sorriso. A degli occhi. Ad un anima
.

Dedicato…

 

Foto di:

  • Lucia Lorenzon
  • Stella Lorenzon 
  • F. Lorenzon


” E per poi farle cantare, le canzoni che ha imparato
io le costruirò un silenzio che nessuno ha mai sentito
sveglierò tutti gli amanti, parlerò per ore ed ore
abbracciamoci più forte, perché lei vuole l’amore.

Poi corriamo per le strade e mettiamoci a ballare
perché lei vuole la gioia, perché lei odia il rancore,
e poi coi secchi di vernice coloriamo tutti i muri,
case, vicoli e palazzi, perché lei ama i colori
raccogliamo tutti i fiori, che può darci primavera
costruiamole una culla, per amarci quando è sera…”

Margherita” di Riccardo Cocciante 

Il mio giorno più lungo

Ciò che di più profondo ho letto su questa tragedia

Belushi Vive

13612359_1191364184216535_3009695154478286989_nNon ho molta voglia di scrivere, ma se c’è stata mai una volta in cui ho avuto bisogno di farlo, quella volta, è stasera.
Io sono coratino. Purosangue. Posso non stare simpatico a tutti i miei concittadini, ma il mio sangue non me lo toglie nessuno.
Oggi, molti di voi, hanno scoperto dov’è Corato, che è vicina ad Andria, e che tra Corato e Andria noi abbiamo viaggiato per cinquant’anni su un binario unico.
Già.
E pare che sia l’unica cosa che gli esperti in giro per l’Italia sono in grado di sottolineare.
Ho sentito una valanga di cazzate. E non c’è un termine diverso da poter usare, solo cazzate.
Da parte di “opinionisti” che, chissà, un treno della Bari nord non l’hanno preso mai. Ma si, mi prendo la responsabilità di dirlo: gente che non aveva idea di che cosa fosse la Bari nord, anzi, la ferrotramviaria, fino alle…

View original post 1.000 altre parole