Archivio | maggio 2016

Mosaico

image

E percepiamo
Un soffio di eterno
In quest’unico grido
A due voci
In queste lacrime
Scese dal volto mio
Che san di sale
Nella bocca tua
Schegge di un
Primigenio mosaico
Sparpagliate
Da invidiosi dei
Ricomposte
_Alfine_

Annunci

“L’Orso e il Pulcino” (filastrocca)

image

Immagine creata da me: "L'Orso e il Pulcino"

Pulcino
Smarrito e affannato
Troppo da casa
Ti sei allontanato
Ti aggiri confuso e gelato
Nel grande bosco innevato
Hai freddo e paura
Non c’è più una casa sicura
Ma solo animali
Per te non normali
Son grandi
Possenti
Alcuni giganti
Tu sei piccolino
Sperduto pulcino
La neve é alta
Ti fa soffocare
Così disperato
Non sai dove andare
Poi quando davvero
Ti senti morire
Un grande zampone ti viene a salvare
Ti solleva in alto
Ti senti volare
Lo guardi negli occhi
E ci vedi un buon cuore
Un orso gigante
Che emana calore
E quieta un pochino
Il tuo piccolo cuore
Amico diventa
Il tuo protettore
Che favola bella
Potrai raccontare
Per custode un angelo
Che è un orso bruno
E tu non avrai da temer più nessuno.

La mia fatica di esserti figlia

image

Io e mia madre

E in questo tripudio d’auguri io ho faticato a farteli, mamma, faticato enormemente. Distanti come mai, guardo foto lontane e ci vedo una bellezza che non è fiorita, una speranza che non si è avverata.
Mi avrai amata a modo tuo, ma io non l’ho percepito che in qualche istante…attimi di vita troppo brevi per l’amore che dovrebbe essere il più grande.
Nonché addolcirti il tempo ti ha indurita, ma ha indurito anche me. Resta il dolore per una madre che non ha provato a conoscermi, che non mi ha protetta da mio padre, la mia incapacità di un vero perdono. Resta la consapevolezza che farò comunque il possibile se ora, invecchiando, avrai bisogno di me. Tu da un punto di vista pratico, logistico, economico, lo hai sempre fatto, e di questo sono di certo grata seppur tutto è stato avvolto di freddezza.
E grata ti sarò sempre per esserti occupata tanto della mia bambina, di occupartene, con una dolcezza e un calore faticosi anche con lei, ma pur sempre almeno visibili e percepibili.
Non ho imparato l’amore più grande da te.
Me l’ha insegnato una bambina…me l’ha insegnato un uomo.
Ecco…Anche di questa vita che mi hai donato, seppur complicatissima e a volte molto dolorosa, ti sono pure grata.
Una vita in salita ma che ha permesso due grandissimi incontri che la valgono tutta. Per sempre.
Con un piccolo fiore giallo ti ho fatto i miei auguri. Ti ho dato un bacio. Sapevo che dopo pochi secondi ti saresti ritratta.
Non hai mai saputo abbracciare.
Ma io ho imparato lo stesso.

Auguri mamma.

Non giudicate una madre

8 maggio 2016 Festa della mamma

Auguri a tutte, tutte le mamme!

image

Lucia e Stella Lorenzon

Non giudicate
Una madre
Non giudicate
Le mancanze
Che voi vedete
I sorrisi
Che nascondono fatiche
Le lacrime
Di un’emozione
Che solo lei sa.
Non giudicate
Carezze e baci
Grida e parole lievi
Sensi di colpa
Senza assoluzione
Amore senza paragone.
Non giudicate una madre.
Non giudicatela,
Provate a conoscerla
_Un poco almeno_
Guardando in fondo
Agli occhi dei suoi figli.

Lucia

image

Disegno di Stella: la mamma con l'aquilone

Comunque Andare

Ho provato a guardarmi
attraverso gli occhi
che mi hai donato.
Ho provato a descrivere
il mio essere donna,
usando parole nuove,
le tue.
Oggi,
vedo il bello,
sento il buono,
mi racconto
nuove storie.
Ovunque andrò,
porterò questa  nuova
consapevolezza.
Proverò a tenerla salda.
Proverò anche se sarà difficile
Lontano da te
Ma,
Ovunque andrai,
Con chiunque accanto,
Io viaggero’ accanto a te,
Dentro te.
Vedrò ancora, e sempre
Coi tuoi occhi
Col tuo cuore.

image

Selfie in auto maggio 2016

“Comunque andare”
Alessandra Amoroso

Comunque andare
anche quando ti senti morire
per non restare a fare niente aspettando la fine
andare perché ferma non sai stare
ti ostinerai a cercare la luce sul fondo delle cose
Comunque andare
anche solo per capire
o per non capirci niente
però all’amore poter dire ho vissuto nel tuo nome
E ballare e sudare sotto il sole
non mi importa se mi brucio la pelle
se brucio i secondi e le ore
mi importa se mi vedi e cosa vedi
sono qui davanti a te
coi miei bagagli ho radunato paure e desideri
Comunque andare anche quando ti senti svanire
non saperti risparmiare ma giocartela fino alla fine
e allora andare che le spine si fanno sfilare
e se chiudo gli occhi sono rose e il profumo che mi rimane
e voglio ballare e sudare sotto il sole
non mi importa se mi brucio la pelle
se brucio i secondi le ore
mi importa se mi vedi e cosa vedi
sono qui davanti a te
coi miei bagagli ho radunato paure e desideri
Comunque andare perché ferma non so stare
in piedi a notte fonda sai che mi farò trovare
e voglio ballare e sudare sotto il sole
non mi importa se mi brucio la pelle
se brucio i secondi le ore
e voglio sperare quando non c’è più niente da fare
voglio essere migliore finché ci sei tu
e perché ci sei tu da amare
Dimmi se mi vedi e cosa vedi
Mentre ti sorrido io coi miei difetti ho radunato paure e desideri.

Amore a tutto tondo

image

Mormoriamo dolcezza
E ci prendiamo con forza
Tra lacrime di malinconia
E fremiti di piacere
Amore a tutto tondo
Dove tutto ha un luogo
Davanti ad un caffè
O tra lenzuola impregnate di noi
Tra un ti amo
E un ti voglio
Certi di esserci 
_Sempre_
Ritrovandoci negli occhi [E nelle mani]
Che non smettono di parlarsi
_Mai_

Amori Virtuali : “Un giorno ti diranno”

image

Un giorno ti diranno che l’Amore non ha molte facce. Ti assicureranno che gli amori nati virtualmente non sono veri, sono solo infatuazione, non reggerebbero mai alla prova della realtà, del quotidiano.
Un giorno ti racconteranno che non ci si può innamorare di una voce, di un’ anima, attraverso risate e lacrime mai viste. Un giorno ti giureranno che non ci si può  perdere dentro occhi in cui non ci si è mai specchiati e non si trema per una carezza mai ricevuta.
Ti diranno che un mondo senza odori, sapori, tatto, è fantasia di una mente con poco equilibrio.
Un giorno ti diranno che innamorarsi così è un rischio che non va corso, un salto nel  vuoto senza ali nè protezione alcuna. Assurdo.
Ti diranno che sbagli, che non vuoi reali responsabilità, che stai fuggendo dalla realtà e dagli impegni di una vita.
Ti suggeriranno di lasciar perdere perché perdi tempo, sprechi sentimenti e vita. Ti diranno che se lui ti amasse davvero verrebbe da te o tu andresti da lui. Subito.
Ti diranno che devi pensare in modo concreto, costruttivo, e non perderti in illusioni.
Ti ripeteranno continuamente che se mai vi vedeste potreste persino non piacervi.
Ti diranno questo. Ti diranno molto di più.
Ridurranno i tuoi sentimenti ad uno stupido gioco. Cercheranno di sporcare tutto.
E tu li lascerai dire.
Forse un tempo pensavi le stesse cose. Ma non sapevi.
Non sapevi ciò che loro non sapranno mai.
Che l’amore ha mille sfumature e che non prevede la parola “impossibile” se entrambi la vogliono oltrepassare.
Che esiste un “oltre” dove tutti non hanno coraggio di andare e di restare, insieme.
Che ci si può tenere saldamente per mano e per sempre nel cuore anche a distanze enormi. 
Che l’intimità è un concetto particolare e ad un centimetro si può essere più lontani che a migliaia di km.
Che si impara a sentire le emozioni e a vedere con gli occhi di chi ami, se chi ami ti ha curato l’anima con l’amore.

Un giorno gli parlerai di voi…
E non capiranno.