L’inopportunità dell’amore

image

Come sa essere inopportuno l’Amore.
Ad un certo punto arriva in punta dei piedi, lieve, un sussurro e ti fa provare una sensazione piacevole, di cui sai che però potresti fare a meno, che puoi governare o comunque gestire…
Ma dentro qualcosa ti dice che non sarà  cosí.
E ti ritrovi in mezzo ad una tempesta che spalanca porte, che urla nelle orecchie, che brucia la pelle, che sommerge ogni altro pensiero.
E ti trovi travolta da risate e lacrime, da mancanze che ti tolgono il respiro, da desideri violenti e dimenticati.
E sei felice, sei triste, sei tutto. Ed è inutile dirsi che passa, che tutto scema col tempo, che la passione è un attimo.
Sarà un attimo, ma tu sei dentro quell’attimo, e per farlo durare un tempo che non sia niente di meno di un “per sempre” ci investi tutto l’investibile, scoprendo, sgomenta, che le priorità della vita si sovvertono, che potresti fare qualsiasi cosa per quel sorriso, per quella voce, per quegli occhi, per quella pelle.
Improvvisamente qualcuno diventa la tua vita stessa. Il primo pensiero del mattino, l’ultimo della sera, un costante sottofondo, qualunque cosa tu stia facendo, con chiunque tu sia.
Una follia consapevole. Forse.
Emozioni che valgono una vita intera. Di certo.
E ringrazi chiunque o qualunque cosa ti abbia permesso di conoscerle, perché alla tua vita sarebbe mancato un pezzo di infinito, senza quell’amore.
E ti parlano di innamoramenti che passano, di infatuazione, e tu mandi mentalmente tutti a quel paese, che magari scrivere affanculo non sta bene, e stai a cullarti in desideri scemi. A pensare che ti piacerebbe fargli una torta, che ti piacerebbe  sorprenderlo con una sciocchezza che sai fare solo tu, e sai che solo lui saprà apprezzare, e ti sorprendi a pensare che sarebbe bella anche la cosa più stupida se ti è concesso condividerla con chi ami.
E ti scopri a guardare con occhi diversi cose che non hai mai notato, o che non hai mai amato, e a volte ci  scorgi qualcosa di bello, e quella cosa sai che non la guarderai comunque più come prima, perché se lui l’ama qualcosa di speciale ce l’ha per forza.
Bisognerebbe prendere fiato, il cuore ti sta sempre in gola, ma non lo prendi il fiato chè quest’apnea la risolve solo il suo respiro vicino al tuo.
E non c’è pace, ma che senso hanno la quiete, la pace, la calma, che senso hanno, se gli uragani portano con sé odori inebrianti,  brividi sulla schiena e spazzano via le incrostazioni di un’esistenza.
Un’esistenza che ora ti sembra avesse come unico vero scopo l’arrivare qui,  dove sei ora, per potergli dire “ti amo”.
Come è meravigliosamente,  sfacciatamente, impietosamente inopportuno l’Amore.

Annunci

8 thoughts on “L’inopportunità dell’amore

  1. Pingback: #TAG l’auto che vorrei – I discorsi dell'ascensore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...