Archivio | dicembre 2015

Buon Natale…a tutti

image

Buon Natale a chi ha il calore di una famiglia intorno
Buon Natale a chi é solo
Buon Natale a chi ha fatto l’albero e il presepe e a chi non ha nemmeno una casa dove stare.
Buon Natale a chi si scambierà regali e a chi l’unica cosa che può regalare é il proprio cuore
Buon Natale a chi ha il volto di una persona cara da accarezzare e a chi quel volto caro mancherà perché non c’è più.
Buon Natale alle persone anziane che hanno una vita di ricordi da celebrare e a chi quei ricordi ormai sfuggono cancellati da qualche malattia che li inchioda ad un triste presente.
Buon Natale a chi lavora
Buon Natale a chi darebbe qualsiasi cosa per averlo, un lavoro
Buon Natale a chi ha la fortuna di vedere lo spirito più vero di questa Festa brillare negli occhi di un bambino.
Buon Natale alle mamme in attesa di un figlio nel proprio grembo, o di uno che arriverà da lontano
Buon Natale a chi é triste, a chi piange, a chi soffre psicologicamente e fisicamente
Buon Natale a chi nasce e a chi sta per morire
Buon Natale agli innamorati che si baceranno a mezzanotte e a chi a mezzanotte scriverà “Auguri Amore” su whatsapp, perché il suo amore é lontano.
Buon Natale agli amici veri. A quelli che ci sono. Sempre. A quelli per i quali ci siamo. Sempre.
Buon Natale agli amici virtuali, tra cui ci sono anime talmente affini alla nostra da chiederci in quale altra vita li abbiamo incontrati.
Buon Natale a chi crede, e a mezzanotte celebra la nascita di Gesù  e anche a chi non crede ma fa di questa festa un momento di riunione vera.
Buon Natale a chi detesta il Natale sperando che magari, in un attimo di magia, colga uno sguardo, un profumo, una luce, legga delle parole che glielo facciano sentire un poco.
Buon Natale a chi amo e il cui cuore risiede nel mio.

Auguri davvero sinceri.
A tutti.

Lucia

Annunci

La tua voce

image

Immagine da web

E fare l’amore
Anche solo ricordando
La tua voce calda
Che arriva ovunque
Il mio pensiero osi
Avvolgendo
Di brividi
Di calore
Ogni centimetro
Di questa pelle
Ancora sconosciuta.

Guida suadente
Per tutto ciò che verrà.

Lucia

“Ogni caso” (Ascolta come mi batte forte il tuo cuore)

image

Immagine da web

È accaduto prima. Dopo.
Più vicino. Più lontano. 
È accaduto non a te.

Ti sei salvato perché eri il primo.
Ti sei salvato perché eri l’ultimo.
Perché da solo. Perché la gente.
Perché a sinistra. Perché a destra. 
Perché la pioggia. Perché un’ombra.
Perché splendeva il sole.

Per fortuna là c’era un bosco.
Per fortuna non c’erano alberi.
Per fortuna una rotaia, un gancio, una trave, un freno,
un telaio, una curva, un millimetro, un secondo.
Per fortuna sull’acqua galleggiava un rasoio.

In seguito a, poiché, eppure, malgrado.
Che sarebbe accaduto se una mano, una gamba,
a un passo, a un pelo
da una coincidenza.

Dunque ci sei? Dritto dall’attimo ancora socchiuso?
La rete aveva solo un buco, e tu proprio da lì?
Non c’è fine al mio stupore, al mio tacerlo. 

Ascolta
Come mi batte forte il tuo cuore

Wislawa Szymborska

Esserci

image

Vorrei dirti in mille modi
Che ti voglio sempre più bene
Che il mio pensiero ti accompagna
Che il mio cuore ti custodisce
Che i limiti della lontananza
Pesano
Che anche solo sfiorati con una carezza sarebbe più facile di questo non poter esserci.
Ma anche se so che la forza appartiene a te e non a me, mi trovi sempre, qualora, umanamente, uno smarrimento possa turbarti in giorni cosí difficili.
E sempre, anche solo per prenderci in giro, ridere insieme, e mettere un poco in stand bay  la durezza del momento.

Lucia

47 anni…ieri

Passato il giorno del compleanno.
Grazie a tutti per gli auguri, le dediche,  l’affetto, la stima, l’apprezzamento, i suggerimenti seguiti al mio post “47 anni domani”.
Grazie davvero, di cuore.
Un abbraccio.

Lucia

Le prime due foto le ha fatte mia figlia col cellulare!!!

image

Foto di Stella Lorenzon

image

Foto di Stella Lorenzon

image

Buon compleanno, Lucia!

La mia amica Mariella, che sempre mi commuove coi suoi scritti per MonDonna, e non solo, ora è riuscita a commuovermi anche facendomi gli auguri.

Grazie Mari!

MonDonna

E’ la prima volta che non chiedo il permesso e il consenso per poter scrivere sul giornale di MonDonna, ma oggi ricorre il tuo giorno, cara Lucia.

Che dire? Non avrei mai immaginato di trovare una persona, Amica, caporedattrice – nonché, madre…credo sia il tuo significante principale – così delicata, elegante, sobria, misurata e di buon gusto e senso come te nell’ambito del virtuale (se ne aggiungono pochissime altre e credo tu sappia a chi mi riferisco poiché si contano sulle dita di una mano).

Sono onorata di esserti amica e grazie sempre per il lavoro enorme e competente che svolgi per il nostro blog.

Sei una Donna forte, coraggiosa e intelligente!

Buon compleanno, cara Lucia.

Mari.

Pubblicazione2

View original post

47 anni domani…

image

Foto di Lucia Lorenzon

E domani sono 47, carissima.
Mica pochi.
Non è stata clemente con te la vita, forse il tempo, almeno esteriormente, un po’ di piú.
La tua vita non è fatta di esperienze belle: viaggi, studi, lavoro, di lotta per ottenere soddisfazioni, no, è fatta di guerra di trincea, di sopravvivenza.
Sopravvissuta alla depressione e all’alcolismo di tuo padre, all’anaffettivita’ di tua madre, a un tentativo di stupro e ad altre molestie, all’anoressia, alla bulimia, ad un abbandono incinta di una settimana, ai problemi di salute seguiti a gravidanza e parto, al dolore fisico cronico, agli abbandoni, ai tradimenti, alle paure e ai vuoti che han preso residenza nel tuo cuore.
Danneggiata ma sopravvissuta.
Non certo alla grande.
Sei piena di cicatrici. Alcune non guariranno mai.
Sei diventata per molti una sorta di creatura aliena ed incomprensibile.
Ma non te ne curi più molto.
Provi a farti capire da chi davvero ti interessa. A concedere a qualcuno di aiutarti. Togliendo mattoni dai muri di difesa.
Sei sempre stata d’indole dolce e nonostante tutto lo sei rimasta, anche se molto più  permalosa, irascibile e “incazzosa” di un tempo, ma a ferirti ci vuole ancora troppo poco.
Malinconica spesso. Facilissima alle lacrime. La discesa dalla malinconia alla tristezza é facile ma, finora, sei sempre sfuggita alla depressione.
Capace di riuscire a ridere a crepapelle anche nei momenti più  duri, sei buffa dentro, ed è sempre stata la tua salvezza.
Non sopporti chi sminuisce ciò che hai vissuto e, difficilmente, chi lo fa rimarrà nella tua vita, ma sei capace di empatia profonda nei confronti delle persone, di coloro che soffrono, qualunque sia il motivo.
Non ti sei mai piaciuta molto, mai amata davvero, mai presa cura seriamente di te, ma un po’ di ciò che sei vai orgogliosa, della tua incapacità di odiare, della tua fiducia nelle persone, della tua grande capacità di tenerezza e di passione.
E ora…Ti sei pure concessa di innamorarti ancora. Un rischio che pensavi di non voler correre più ma alla fine non sei riuscita ad impedirtelo.
E vada come vada. Alla fine sopravviverai e magari il rischio stavolta può esser quello d’essere un po’ felice.
Te la auguro come  regalo per questo anno che verrà, un poca di serenità.

Buon compleanno Lucia!

Tua…Lucia

P.s. lo so…lo so difficile sfuggire dal farmi gli auguri, così. Abbiate pazienza. 😂😂😂
E ora mi dedico pure uno scritto di Alda Merini, perché un poco mi ci riconosco, anche se certo non mi darei mai il titolo di “Donna Donna”.
Eccolo:

“Ci sono Donne…
E poi ci sono le Donne Donne…
E quelle non devi provare a capirle, perchè sarebbe una battaglia persa in partenza. Le devi prendere e basta.
Devi prenderle e baciarle, e non devi dare loro il tempo di pensare. Devi spazzare via, con un abbraccio che toglie il fiato, quelle paure che ti sapranno confidare una volta sola, una soltanto, a bassa, bassissima voce. Perchè si vergognano delle proprie debolezze e, dopo averle raccontate si tormentano – in una agonia lenta e silenziosa – al pensiero che, scoprendo il fianco, e mostrandosi umane e fragili e bisognose per un piccolo fottutissimo attimo, vedranno le tue spalle voltarsi ed i tuoi passi allontanarsi.
Perciò prendile e amale. Amale vestite, che a spogliarsi son brave tutte.
Amale indifese e senza trucco, perchè non sai quanto gli occhi di una donna possono trovare scudo dietro un velo di mascara.
Amale addormentate, un po’ ammaccate, quando il sonno le stropiccia.
Amale anche se sanno bastare a se stesse.
Ma appunto per questo, sapranno amare te come nessuna prima di loro
.”

_Alda Merini