I moderni schiavi: tra un “visualizzato” e una “doppia spunta blu”

Quando social e web diventano un “sistema di controllo”

MonDonna

image

“Come mai hai visualizzato ma non hai risposto?” “Che ci facevi online alle due di notte?” “Come mai eri in chat su fb ma a me non hai risposto?” “Ma quel post era riferito a me?” “Perché hai tolto la possibilità di vedere l’ultima visualizzazione su Whatsapp?”
Alzi la mano chi non ha fidanzati/fidanzate amici/amiche (reali o virtuali) che si comportano così.
Schiavi di doppie spunte blu, di “visualizzato alle…” di emoticon e commenti, secondo loro, non adeguatamente distribuiti.
Gente senza pace che ti segue ovunque e ovunque lascia il segno.
Non puoi avere un blog/pagina/account twitter/ pinterest/ istangram e quanto altro senza trovartelo/a lí.
Ansiosi, possessivi e insopportabili.
Gente con l’istinto dello “stalker” che si nasconde dietro a “interesse” “amore” e giustificazioni mai valide; di fatto ti tolgono l’aria e ti fan sentire sotto esame della Santa Inquisizione.
Non c’è scampo.
Se è qualcuno cui vuoi bene provi a…

View original post 82 altre parole

Annunci

6 thoughts on “I moderni schiavi: tra un “visualizzato” e una “doppia spunta blu”

  1. Segno dei tempi… una volta c’era il pedinamento, ora il following… dove ogni “amico” è visto come un possibile rivale. E guai a sgarrare! Dovrebbe essere una misura di salute pubblica considerare amici solo chi non si conosce, così non c’è pericolo che chi invece si conosce troppo bene se ne abbia a risentire.

    Liked by 1 persona

    • Paradosso che condivido tant’è che nel mio secondo profilo fb creato per fuggire a una situazione che era per me insostenibile ho solo amici che conosco virtualmente.
      Ma con l’apertura del blog con tanto di nome e cognome mi sono riesposta.
      Uno scotto da pagare evidentemente.
      Whatsapp altra faccenda, secondo me lí c’è proprio il dualismo netto tra gli insicuri sospettosi e gelosi e chi non lo è e che subisce pesantemente le “rotture” dei primi.

      Liked by 1 persona

      • Hai fatto bene Lucia! Poi sicuramente per voi donne è molto peggio… umiliante sentirsi sempre sotto osservazione! Qualche matta può capitare anche a noi, ma di solito ce ne infischiamo (quando non ce ne vantiamo…). Come la mettiamo con i parenti? Io ho mia mamma di 80 anni che mi commenta tutti i post e mi fa scappare tutti gli amici (e le amiche)! Devo bannarla? 🙂

        Liked by 1 persona

      • Ahah! Io sarei martirizzata se avessi mia madre. La bannerei pure nella vita reale talvolta.
        Addirittura ho una minima percentuale di corregionali.
        Ecco…dici bene questo “sentirsi sotto osservazione” fa sentire limitati in modo fastidioso.

        Mi piace

  2. Articolo davvero molto interessante e acuto.
    E la cosa a cui penso spesso riguarda chi questi strumenti moderni di comunicazione e socializzazione li progetta. Perché ci vuole una volontà quasi malefica per riuscire a dare sempre a noi utilizzatori gli strumenti per tirare fuori i nostri vizi, le nostre paure e le nostre ossessioni. Quasi come se, per i grandi operatori della comunicazione di oggi, fosse fondamentale che le persone diano il peggio di loro stesse nel relazionarsi tra loro.
    Bel post! 🙂

    Liked by 2 people

    • Ah è vero. Se ci può essere anche un uso “buono” o addirittura utile per crescere umanamente o conoscere ciò che mai avremmo conosciuto, o farne un uso professionale, c’è poi chi cade in questa trappola che tu ben descrivi che esaspera paure, insicurezze, dipendenze ma anche molto di peggio.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...